” VIA DEI MARTIRI “

14puglialive_net0038.jpg“Difendo la mia libertà ad ogni costo prima i miei bisogni e dopo il resto, che se non pensavo a me addio Renato rimanevo ancora là….”

Ecco una tra le canzoni che amo di più di Renato, quelle che considero di vita vissuta, una specie di autobiografia  che ci manda dei messaggi  da cui trarre spunto e meditare…Molto spesso quando sono arrabbiata ho l’abitudine di ascoltarla ad un volume altissimo perchè mi scarica, è un grido di rabbia mescolato alla grinta di chi sa reagire alle difficoltà, alle incertezze della vita, è un canto contro lo strapotere sotto ogni punto di vista, contro un mondo dove è difficile vivere una vita serena, dove non c’è più posto per i sogni..anche se lui non ha mai smesso di crederci. Via dei Martiri dove vive chi è sfortunato, chi è debole, chi si rifugia nella droga annullando se stesso, dove conta solo chi ha potere e sfrutta, inganna, violenta, comanda! Ma nel buio c’è una luce che dona energia, quell’energia che possiedono proprio coloro che hanno avuto un vita difficile perchè si sa che le difficoltà aiutano a crescere e a diventare più forti e con tanta onestà gli stessi riescono ad andare avanti, a reagire solo con le proprie forze e quindi: ” Voglia di vincere ci puoi scommettere, cogliamo l’attimo fosse anche l’ultimo e un sorriso pulito sarà la risposta migliore di Via dei Martiri”

Il bello è che non è una canzone orchestrale è piuttosto rockeggiante con una musica travolgente che abbinata alle parole ne fa un mix esplosivo, per questo vi invito a riascoltarla e a riportare quì le vostre sempre preziose riflessioni.

VIDEO

http://www.youtube.com/watch?v=2NDK_8IQamE

N.B DA OGGI IN POI PER VISIONARE I VIDEO BASTA POSIZIONARE IL MOUSE SUL LINK SENZA CLICCARE E DOPO QUALCHE SECONDO SI APRIRA’ UN RIQUADRO PER VEDERE IL VIDEO EVITANDO COSI’ DI USCIRE DAL BLOG.

Ecco il sole che va giù
irriverente
seminando ombre un po’ dovunque
fai fatica vita mia
a garantirti un altro giro di poesia
Io che non speravo più
di ritrovarmi
con addosso voglia e sentimenti
la pazienza è una virtù,
ci rende santi
forse è come dici tu
ma arriva in fondo e vedrai
fra invidia e gelosia
come ti pentirai…
di avere tanta energia.
Difendo la mia libertà
ad ogni costo
prima i miei bisogni e dopo il resto
che se non pensavo a me,
addio Renato
rimanevo ancora là
brandelli di verità
specchio dell’ironia
vento e fragilità
senza più un’anima mia
Sono sempre le stesse incertezze
gli stessi perché
che ti portano ancora una volta
a non credere in te
agghindate illusioni,
carezze ruffiane ne avrai
mentre un gioco innocente
si sporca di fango vedrai
sempre più complicato salire
che scendere giù
in via dei Martiri
Trovo ancora compagnia
malgrado tutto
la fatica è il segno dell’impegno
né polvere né pillole
nessun intruglio
ingegnose trappole
è la fortuna di chi
sa dove spremere
e la condanna per chi
non ha rispetto di sé…
Lavorate fratelli
finché il padre sazio non è
non cambiate canale
votate comprate anche se
vi toccherà travestirvi
da Babbo Natale
anche a voi
aspettando una tregua annunciata
che non verrà mai
siamo in tanti delusi e arrabbiati
lasciati quaggiù
in via dei Martiri…
Voglia di vincere
ci puoi scommettere
cogliamo l’attimo
fosse anche l’ultimo
e un sorriso pulito sarà
la risposta migliore…
di via dei Martiri
in via dei Martiri

40 pensieri riguardo “” VIA DEI MARTIRI “”

  1. Grande Debby!!!! Ancora non ho la fortuna di gustarmi i video che ci regali perchè mi trovo al lavoro e a casa ho il PC fuori uso…ma ancora per poco perchè ne ho ordinato già uno nuovo… Comunque grazie!!
    La canzone è splendida. Splendido Renato che ci esorta a reagire, a lottare, a vincere!!! Lui ne sa qualcosa; altro che addio Renato!
    E’ stato fortissimo nella vita!! Ma ve l’immaginate negli anni 60 nei palazzoni dell’INCIS popolati da impiegati statali e poliziotti, lui che usciva con le piume e le zeppe ai piedi, ma ve l’immaginate quanto sarà stato deriso… quanti commenti forti da parte dei colleghi del padre… Che forza che ha avuto a fregarsene di tutti e a vincere!! Non mi stanchero mai di dirlo:Grazie Renato!!! Baci a Debby e a tutti gli altri amici

    "Mi piace"

  2. P:S: Quando mi comprero’ la macchina del tempo tornero’ indietro per godermi Renato dei primi tempi, i suoi primi spettacoli per pochi quando era ancora uno sconosciuto…per vederlo da vicino, e magari incoraggiarolo… E voi venite con me?? Sveglia!!!! Il sogno è finito!!!

    "Mi piace"

  3. Si hai ragione Gioia, effettivamente si è preso una bella rivincita nei confronti dei benpensanti e bacchettoni, fregandosene delle risate e degli insulti che gli venivano rivolti. Lui, come dice nella canzone, ha difeso la sua libertà di essere , prima i suoi bisogni e dopo il resto, altrimenti non sarebbe stato quello che è adesso, ma lui ha tenuto duro e ha VINTO. Hai fatto ancora centro cara Debby 🙂 Adesso quando torno a casa mi riguardo il video (credo di averli visti tutti quelli che ci sono su you tube di Renato). RENATO GRAZIE DI ESISTERE!!!!!!

    "Mi piace"

  4. Brava Debby, un’altra canzone piena di significato (del resto è una canzone di Renato quindi non poteva essere altrimenti)
    E’ una canzone che stimola ad andare sempre avanti, ti dà la carica e la forza per continuare a sperare, a sognare e ha prendersi una bella rivincita su tutti e tutto.
    Debby grande l’idea del riquadro per vedere il video,ci stupisci sempre 🙂

    "Mi piace"

  5. …come intro del prossimo tour Renato? Che ne dici? Nel frattempo se fosse possibile sarebbe la prima che vorrei ascoltare al tuo compleanno…
    E riservandomi di inviare un altro mio commento sull’opera in questione più in là (CTPR – che te possino Renà) mi viene voglia di mettermi sulla macchina del tempo di Gioia (posso salire con te?).
    Hai fatto bene Renato a pensare a te e ai tuoi bisogni, hai fatto bene a non lasciare là brandelli ironici di ciò che realmente eri… la verità… diventando sempre più te stesso fuggendo da quella Via… Quando ascoltai Via dei Martiri appena uscì io ero già fuori da quella Via e mi avvicinai ancora di più a te perché ti sentii simile a me, più coraggioso che mai. Mi auguro di cuore che oggi più che mai… tu sia, nel profondo privato almeno, orgoglioso fino in fondo… del tuo… Rispetto; in ogni caso a te come a chi vuole…ANCORA CORAGGIO.

    "Mi piace"

  6. Ritmo incalzante in questo testo “arrabbiato” dove tutta la grinta di Renato viene fuori …Via dei Martiri è un luogo in cui molti vivono, maltrattati della società dei quali anche Renato si è sentito parte…..coloro che imparano a convivere contando solo sulle proprie forze senza cercare scorciatoie e senza chiedere aiuto , alcuni ce la fanno a vincere, altri invece no e finiscono su strade poco raccomandabili da cui è difficile tornare indietro….. Ma non prevale solo la legge del più forte ..esistono ancora persone genuine, “piccoli eroi” che non sanno fingere e che malgrado tutte le asprezze che incontrano non smettono di credere nella vita…. E già Debby, è come un canto liberatore questo…uno sfogo…. Ben riuscito anche il video e lasciatemelo dire un Renato in grande forma eh….. Buon pomeriggio cari sorcetti.

    "Mi piace"

  7. E’ un ‘altra parabola di Renato, quante ne ha scritte e vissute. “Ecco il sole che va giù”, così si inizia …. “un sorriso pulito sarà la risposta migliore …” è l’epilogo. Dalla notte al giorno (la nascita del bimbo nel video), ma quanta strada nel mezzo, quanti volti, ed esperienze. Ognuno di noi ha la sua via dei Martiri: grande chi ha avuto il coraggio di affrontarla. La mia, una via reale di polvere, barattoli, biglie, pane condito a caso … e che ho lasciato per scelta, ed “incoscienza”, appena 18enne via da casa, pochi soldi e tante lacrime. Cercando di capire, scrollando di dosso pesanti eredità, che coraggio: e se oggi giro lo sguardo, che rispetto!!
    Ma ognuno ha la sua: che sia una via reale, o un quartiere, o un periodo della propria vita, un episodio. Dove ci si è sentiti tristi, maltrattati, magari derisi, estranei, e ci si è rifugiati in posti poco raccomandabili, con compagnie e sostenza finte, o rinchiusi ermeticamente in se stessi. E non è una prerogativa degli sfigati, dei “nati male”: anzi è un loro segno di qualità, il loro motore, e la loro corazza. E Renato: un esempio.

    "Mi piace"

  8. Caro Marco, la macchina del tempo è in realtà grande come il pulmino Orazio (intesi vero?) quindi c’è posto per te e per tutti gli altri che come noi pagherebbero oro per catturarlo, riviverlo nel suo entusiasmo di allora…. oggi naturalmente un pò smorzato dalla fama ormai aquisita e forse un pò dall’età non credi? Ma non me ne vogliate. Lui è UNICO.
    Baci e te, a Debby a a tutti gli altri sorcini del blog

    "Mi piace"

  9. Gioia, se c’è posto vengo anch’io :-))))
    Ma io non penso che l’entusiasmo di Renato sia un pò smorzato dalla fama acquisita: è lo stesso di un tempo. Certo che il corpo non è più quello di un tempo, non gli permette “le liberta” di un tempo (sia in termini di movimenti che di abiti), ma la vitalità, la partecipazione che Renato esprime è sempre la stessa.
    Non so se ti è capitato di vederlo ai concerti (che sono secondo me l’unico momento di pura verità) molto da vicino: le espressioni con il volto e con gli occhi, alcuni movimenti sono gli stessi di sempre, la furbizia, spesso la malizia e l’irruenza gli stessi di quando slingueggiava in maniera ambigua cantando in tuta aderente canzoni diventate simbolo, ma improbabili a quei tempi. Trovatemi un altro che ha la libertà mentale e morale di cantare “Fermo posta” vestito come ha fatto a Zeromovimento e a mandarlo su rai1 poco prima di natale. Ci ha portati indietro negli anni. Beh penso bisogna avere entusiasmo per fare ciò. Certo, qualcuno potrebbe pensare, e molti lo hanno scritto, che sia tutta una voluta e programmata messa in scena: un circo finto senza contenuti, di carta insomma, e Renato il primo attore. A me piace pensare che non sia così. Scusa Debby per il fuori tema.

    "Mi piace"

  10. Tranquillo Luigi, quando vi confrontate così profondamente su Renato è molto bello e non è mai un fuori tema in un blog dedicato esclusivamente a lui. 😉

    "Mi piace"

  11. Su questo pulmino vorremmo salirci tutti…..e certo che sarebbe stato bello esserci e vivere quel “Renato”. Mi trovo però pienamente d’accordo con Luigi…forse non lo vedremo più in certi atteggiamenti perchè è ovvio il fisico non è più quello di una volta….ma lo spirito si…..e l’energia che ci trasmette è sempre tanta comunque. Su “Fermo posta” che dire….uno spettacolo, questo è il Renato che mi piace..quando ci stupisce con interpretazioni geniali….solo a lui è concesso di fare ciò. Fuori tema anch’io ..eh ma non mi son tenuta….Baci…

    "Mi piace"

  12. …lavorate fratelli finché il padre sazio non è. Non cambiate canale, votate, comprate anche se…
    La mia… pensando a Gioia e a Luigi… la magia di Zero inizia col numero che s’è dato, il nulla ma che poi è il tutto, l’inizio ascendente e l’inizio discendente del sistema numerico. Il nulla eterno, che poi sarebbe l’origine d’ogni cosa? Via dei Martiri è reale oggi quanto ieri; ma perché il triangolo dove lo metteresti? E Pionieri, con la speranza per quella fabbrica e la tragedia del costo della vita… e il costo relazionale… non è più attuale che mai? E Sterili, mio dio sterili… E Sciopero… (fra non molto a chi serviranno quei giocattoli, bambini di 80anni tu vedrai…). Io quando vado ad un concerto suo, non ho più la voce grande che ho quando canto le sue canzoni ad esempio in auto, e quanto mi incavolo perché alla sconda canzone che canticchio mi si abbassa subito la voce, mi brucia la gola, poi inizio a stare male; poi la sensibilità di cogliere quel particolare “inutile”… mi scaraventa nelle emozioni e piango perché sono felice e sono triste. Felice perché lui è lì davanti a me, triste perché lui non c’è… nel senso che lui è quello che conosciamo proprio perché non si è lasciato prendere da niente, non lo puoi incasellare psicologicamente parlando in nessuna realtà terrena, ha un passato che poi è ancora presente, un presente che già sa di futuro, che poi diventa impalpabile perché futuro non è, perché è sempre lui, quello di ieri… RENATO ZERO, la “materia trascendente”…

    Ops… scusate ho avuto un momento di zerofollia…
    Ps. tutto questo vale per i testi e il personaggio. Il discorso temporale invece assume senso e cambiamento per quanto riguarda la musica… ma lì c’è l’ombra della tecnologia e la strumentistica è in continua evuluzione – tra un po’ il violino si suonerà con la bocca. Prendete per esempio la meravigliosa D’aria e di musica (lì comanda il digitale e non c’è più uno scantinato dove provare a suonare la chitarra con la sega… ah ah ah). E allora lì è questione di gusti e ognuno può dire la sua avendo sempre ragione, perché o ti piace (i modernizzati) o non ti piace (i nostalgici) o ti è indifferente (gli apatici) ah ah ah… Buon zeropomeriggio a tutti i sorcetti dello scantinato…

    "Mi piace"

  13. Mia carissima e bellissima Debby perdona la mia lunga assenza ma anche io ho fatto un pò di vacanza.
    Trovo subito questo interessante post e con onestà vi dico che secondo me è semplicemente un attacco bello e buono alla società, in particolare all’Italia dove tutto ormai fa schifo e non si vive più. Baci infiniti per te

    "Mi piace"

  14. Infatti le canzoni in genere risentono della personalità di un autore che vive in quel determinato contesto. A cercarlo un testo simile tra i milioni di testi internazionali non c’è… Potremmo dire che in generale le canzoni sono contesto-specifiche… Quella carezza a quel bimbo in braccio alla madre data da Renato in Via dei Martiri assomiglia tanto a quelle carezze domenicali date dal altra persona in altro Alto loco… Diciamo pure però che nel nostro belpaese ci vivono anche i sorcetti figli dei sorcini nipoti dei sorcioni… che poi siamo tutti figli di una… questo dipende da quanto noi vogliamo identificarci con la nostra realtà, ma credo si possa vivere anche facendone a meno, insomma anche Renato ha sempre scelto di non farsi rappresentare; ha ragione Luigi – lui è l’esempio… intesi Davide no?
    Ps. sei sempre così pieno di complimenti verso Debby? Appari poco nel blog, ma sei sempre così carino… Cmq sull’italietta già mi sono espresso abbastanza, magari non negli stessi tuoi termini; ma comprendo il tuo malcontento… chi viaggia possiede più termini di paragone…

    "Mi piace"

  15. Allora Marco ho letto con molto interesse i tuoi precedenti commenti e ho visto che in generale la pensiamo allo stesso modo sull’italietta forse ho usato termini un pò più forti ma siamo li o no? daccordo con te che non c’è un testo simile in circolazione
    p.s. Ammetto di scrivere poco ma leggo spesso il blog e lo testimonia il fatto che sono di nuovo quì, per quanto riguarda Debby esterno semplicemente quello che penso, lei per me è così, è un dato di fatto. Un saluto

    "Mi piace"

  16. eh eh eh Davide, continua a leggerci e continua anche a scrivere, ne hai di cose da dire…

    Soli, non siamo soli mai… I sogni anche i più logori andati non si son dileguati, si raccontano qui… Costi quel che costi, siamo nati artisti…
    Soli in cerca di poesia… Amo chi mi ha sorriso ed era lì e capì che per quell’applauso ero vivo così… Se anche lui un artista sarà…
    Se vuoi in questo spettacolo un ruolo tu avrai…
    Stai con noi… e chissà questo “blog” quanta strada farà…

    "Mi piace"

  17. Cari Luigi, Marco, Claudia…c’è posto per tutti!!! Luigi, sono d’acccordo con te.. Un uomo che riesce ancora a stupire e a provocare come ha fatto con Fermoposta allo Zeromovimento , alla bella età di 55 anni, non è certo facile da trovare!!
    E’ vero.. Le espressioni del suo volto sono uniche, sempre più vere, trasmettono le sue sensazioni che diventano immediatamente tue…anzi aggiungo che oggi sono ancora più intense di un tempo…
    Con me sfondi una porta aperta: io lo adoro ovviamente come artista ma anche come uomo e trovo che sia ancora oggi il più affascinante nel panorama musicale italiano, nonstante l’età.
    (A me a volte , quando lo ascolto e lo guardo in vecchi filmati, mi viene mal di pancia dalle forti emozioni che mi trasmette GIURO!!!)
    Scusate la monotonia e un bacio a tutti!!!

    "Mi piace"

  18. ah ah mi hai fatta ridere Gioia, chiarissima!!!!!! Se per caso vedete in giro Renato…….nun lo toccate eh!! Ps. comunque sono d’accordo con te!!! Un caro saluto a tutti..

    "Mi piace"

  19. AINE MOMENT! ALT A TUTTI!!!
    Mi meraviglia il non tempestivo intervento della nostra Paladina, mi manca tanto il suo Ordine…
    Come sempre la verità è nel mezzo! E in questo caso oserei dire quasi…
    Come dire
    “Natura non facit saltus”
    “Dubium sapientiae initium”

    Famose du’ conticini è?
    Renato Zero al secolo Renato Fiacchini è nato il 30 settembre 1950.
    Su questo…
    Ora lo Zeromovimento ha avuto inizio il 10 febbraio del 2006 ed è terminato il 04 aprile dello stesso anno (menomale per Renato).
    Dunque prendendo per ipotesi buona che Renato abbia avuto in tutti i suoi concerti la stessa performance in tutto lo Zeromovimento, ‘nsomma toccatine, palpeggiamenti e robe varie simpatiche assaje, pigliamo le due date estreme:
    Al 10 febbraio del 2006 Renato aveva 55 anni 4 mesi e 10 giorni
    Al 04 aprile del 2006 Renato aveva 55 anni 5 mesi e 4 giorni
    Per le ore non vi posso aituare, bisognerebbe chiedere alla buonanima di Ada, perché le ore ufficiali degli ospedali sono arronzate e approssimative…
    E Volendo essere precisissimi da settembre 2006 a settembre 2007 ci passano credo 12 mesi di conseguenza il 30 marzo è l’esatta metà tra 55 e 56 anni. Siccome però è nato il 30 di settembre alle date del tour possiamo ragionevolmente dire che aveva più 55 anni che 56. Ma queste sono minuzie e quisquiglie… come direbbe Totò…
    Oh… “Mala tempora currunt”
    Vogliatevi bene, amatevi e fraternizzate, che c’è n’è tanto bisogno.
    Baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii.

    "Mi piace"

  20. Paladina Claudia sta a riposo!!! A Marco me sa tanto che te sei piu preciso de me….ah ah ah……..mettiamola così….ogni tanto un pò di disordine, un pò di CAOS…non fa male…..lo dice anche il nostro amato o no???

    "Mi piace"

  21. Questa è una canzone che mi entra nell’anima e mi fa ribollire il sangue ogni volta che la sento, credo sia la più forte e una delle meglio riuscite, sia per il significato, sia per il felicissimo abbinamento tra testo e musica,difficile aggiungere qualcosa a ciò che avete già espresso voi. Dove si trova questa via dei martiri?In uno stato particolare? No, è dovunque, perchè ovunque ci sono martiri, martiri che sacrificano la propria vita per accudire disabili all’interno della propria famiglia, martiri che devono accettare lavori infami o pericolosi per mantenere la propria famiglia (e a volte ci lasciano le penne), martiri perchè la vita non è stata generosa, martiri perchè devono soggiacere al potere dei più forti, perchè resi schiavi da una società crudele, martiri perchè hanno il coraggio di combattere contro la criminalità organizzata: ricordiamo i ragazzi della Calabria che stanno combattendo contro questo stato di cose, ricordiamoci di Peppino Impastato, ricordiamoci di martiri come Falcone e Borsellino, non aggiungiamo un altro affronto alla loro dignità, non dimentichiamoli.
    Ringrazio Debby per aver mantenuto la promessa di aprire un post su questo pezzo, i miei complimenti a Marco per la sua cultura e per i suoi scritti e per quanto riguarda Luigi: la mia ammirazione nei tuoi confronti ormai è sconfinata.
    E per concludere: Renato in questo video sei troppo bello! Come dite a Roma? “Me te magnerebbe”!

    "Mi piace"

  22. Grazie Fabrizia, se non altro per aver accennato in un post su Zero, incredibile, al coraggio di chi combatte la criminalità… il che equivale a dire viverci tutti i giorni, ora dopo ora insieme…
    A certi livelli non c’è parete domestica la notte che ci fa sentire protetti… non esiste per alcuni un servizio di scorta…
    ma si va avanti senza se e senza ma.

    "Mi piace"

  23. Dopo aver letto i vostri interessanti e veritieri commenti vorrei aggiungere semplicemente che: piuttosto che a una setta di porci, è meglio un mondo in mano ai sorci…che ne sai cosa si aspettano mai… bisogna essere guerci per non accorgersi dei sorci…secondo me ..ci marci!!!
    E poi per Marco: carissimo, nella zerograduatoria (o scala Mercalli della zerofollia) mi sa tanto che tu te giochi i primi posti, perchè io credevo de stà un pezzo avanti ma pure tu nun scherzi!!!!!!!!!!
    Baci a tutti gli altri sorcini dello zeroblog e alla grandissima Debby (in questi giorni un pò in sordina?)

    "Mi piace"

  24. OT: Salve a tutti! perdonatemi per l’O.T., ma sono disperata e avrei bisogno di un vostro consiglio: un mio carissimo amico mi ha detto che su zenzero c’è un link per scaricare “io le canto così”….Non riesco a trovarlo…ma esiste? per favore, qualcuno mi illumini, non so più dove cercare 😦 grazie infinite….

    "Mi piace"

  25. é anche nel mio, Pierluigi, e ho dimenticato di citare l’altro immenso martire: Don Puglisi, ce ne fossero di preti così, anche se capisco che accettare di rischiare la pelle non sia nelle corde di tutti. Ci vorrebbe un po’ più di coraggio, da parte di tutti noi…

    "Mi piace"

  26. USO IL BLOG, SE DEBBY ME LO PERMETTE, PER MOTIVI PERSONALI. HO PROBLEMI CON MESSANGER E NON RIESCO AD ENTRARCI, PER CUI, COLORO CHE HANNO IL MIO INDIRIZZO, SAPPIANO CHE NON POSSO RISPONDERE. SE CAMBIERO’ INDIRIZZO VE LO FARO’ SAPERE, GRAZIE PER LA PAZIENZA DEBBY

    "Mi piace"

  27. Via dei martiri ,una favola di canzone ,bellissima,vedendo il video si riesce a capire ancora meglio il significato della canzon….è eccellente nella conclusione ,dopo essere stato “prigioniero”della solitudine in una camera isolata….vederlo uscire e trovare un bambino che lo aspetta ………..un’emozione veramente bellissima ……..

    "Mi piace"

  28. ho un affetto particolare per questa canzone, è il primo clip video di Renato che ho visto alla televisione grazie a videoitalia ( purtroppo questa catena non è più disponibile sul cavo e permetteva al mondo intero ed alla Francia di scoprire dei grande artisti italiani).
    ogni volta che ascolto questa canzone l’emozione mi sommerge e ringrazio il cielo di avermi permesso di conoscere Renato.è un canzone pieno di speranza, di coraggio. Ci dà una bella lezione di vita.
    grazie renato per la gioia che dai a tante persone e grazie a te Debby per il tuo blog.
    Buona serata a tutti i sorcini

    "Mi piace"

  29. RENATO E’ UN GRANDE mi ha aiutato con le sue canzoni ad uscire da molte brutte situazioni riguardanti la mia vita lo ascolto tutti i giorni e mi da la gioia di vivere e mi sembra di conoscerlo da una vita sto saspettando con anzia il suo nuovo album e il suo tour un saluto a tutti i zero folliiiiii!!!!!!!!!!!!!!1

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.