NERO D’AUTORE

nerod.jpgnerodautore.jpgQuando abbiamo festeggiato in chat il compleanno del Blog vi avevo accennato al fatto che Renato Zero aveva disegnato una collezione di occhiali, molti di voi forse sapranno già che un pò di giorni fa a Roma c’è stata la presentazione ufficiale della linea Nero D’Autore e alla sfilata era presente Renato in persona.

Renato è un creativo e se ha avuto l’estro  nel disegnare occhiali invece di incidere un disco non ci trovo nulla di male, tra l’altro l’intera collezione sarà disponibile nei negozi di ottica nel 2008… però…c’è un però…sembrerebbe che questa linea di occhiali in realtà non sia stata disegnata da lui (è una cosa ancora da chiarire) ma solo firmata, in pratica ha prestato il suo nome per sponsorizzarla, un semplice marchio!  

Per quanto mi riguarda dato che devo acquistare un paio di occhiali da sole nuovi aspetterò ancora un  pò per vedere i suoi perche se fossero belli non mi dispiacerebbe acquistare un occhiale firmato R.Z. ripeto però se saranno veramente belli, non li comprerò solo perche sono firmati da lui!!

 Come sempre però il popolo dei sorcini si sta dividendo al riguardo…intendo dire che in molti stanno attaccando duramente Renato per questa scelta, alcuni lo criticano dicendo che ha usato il suo nome e la sua fama per fare soldi rinnegando persino se stesso…personalmente non credo proprio che Renato abbia bisogno di certi mezzi per fare altri soldi perche gli basterebbe far uscire il disco o annunciare un concerto! Le loro critiche sarebbero giuste secondo me se lui avesse abbandonato il campo musicale per dedicarsi ad altro, anche se poi penso che ognuno di noi nella vita sia libero di fare le proprie scelte senza dover rendere conto a nessuno soprattutto Renato che musicalmente si è dato al 100% perciò se avesse voglia di intraprendere altre strade non sarebbe giusto criticarlo per questo.

Purtroppo o per fortuna (dipende dai punti di vista) Zero ha un pubblico molto esigente che si aspetta sempre molto da lui…oserei dire troppo…questo mi dispiace perche penso che non ci abbia mai fatto mancare nulla, allora perchè ogni volta che fa qualcosa che va oltre il solito Renato deve subire  la rabbia di coloro che lo vorrebbero sempre e solo lì su un palco a cantare, ma non è un essere umano anche lui? Avrà anche altre ambizioni? Può anche lui avere la voglia di cambiare e sperimentare? Dove finisce Renato Fiacchini e comincia Renato Zero? Io non lo so, so però che quest’uomo ha avuto bisogno di una parentesi e allora  che ben venga tanto so che poi non mancherà l’occasione di rivederlo cantare.

Voi cosa ne pensate di questa sua iniziativa? Vi piace? Vi sembra tanto assurdo? Vi ha deluso? Dite la vostra…

http://www.nerodautore.it