RENATO E L’AMORE

 zero1.jpg122.gif    

Qualcuno considera quella che stiamo vivendo la settimana dell’amore, non certo io che la ritengo l’ennesima festicciola commerciale, anche se poi chissà perchè  noi femminucce quando abbiamo un partner ci restiamo comunque male se poi quel giorno non ci fa nemmeno un gesto carino.  Da tutto questo però ne traggo spunto per parlare dell’amore cantato da Renato. Renato ha cantato l’Amore a 360 gradi, amore per la vita prima di tutto, l’amore universale, l’amore per Dio, l’amore per un figlio, l’amore clandestino, l’amore per il suo pubblico, gli amori sfortunati, l’amore per gli animali, l’amore “diverso”…. l’AMORE! Lui stesso ha detto di aver trattato invece l’amore più classico (inteso come quello di coppia) in maniera educata, che il suo è stato sempre un amore sofferente ma molto felice, un amore alla ricerca di una partecipazione emotiva. Ricordo che in una recente intervista dichiarò che l’amore per lui è doloroso, non è un viaggio rose e fiori, che se non c’è bisogna comunque preoccuparsi. Così vi riporto testuali parole di quell’intervista:

“ Molti per uscirne vivi stringono alleanze con l’abitudine. Si parla di contratti ma non so se ne valga la pena. A me, e lo dico con molta onestà, mi ha sempre spaventato molto l’amore. Perciò forse ho preferito quello più disinteressato verso un tipo di umanità. Un amore che non ha bisogno di fisicità, di scambi, di effusioni. L’AMORE VERO l’ho aspettato e continuo ad attenderlo ma gli lascio la porta aperta per farlo andare via. Non ho il talento di chiuderlo nella mia casa e di buttare la chiave. Forse sarà una debolezza, vigliacco no, ma un po’ debole lo sono sempre stato. C’è questo disincanto che ti frega. Quando hai già visto il film, rivederlo è doloroso. Sai già come va a finire. Ma è un lavoro anche essere single, di rinuncia, di non vivere, di non sporcarsi, di non prendere quelle sane fregature. Ma se trovate un amore, anche uno straccio di amore, beneditelo”

Mi ha molto colpito la frase in cui dice “ quando hai già visto il film rivederlo è doloroso” le verità di Renato… Sarà forse per questo suo rapporto combattuto con l’amore che quando lo canta lo fa meglio di altri artisti italiani, sappiamo bene quanto sia inflazionato questo sentimento nelle canzonette italiane, ma lui riesce ad emozionare come nessun altro sa fare, tocca le corde del cuore con musiche e parole da brividi! Spero vivamente che nel prossimo disco ci regali qualche altra perla d’amore! 

Sorcini se leggete attentamente questo Post vi renderete conto che da ampi spunti di discussione, spero che insieme riusciremo a parlare di questo concetto d’amore legato a Renato ma anche a noi stessi perché no? Naturalmente se qualcuno di voi volesse fare qualche dedica personale può farlo.

Io vi saluto segnalandovi il video della canzone scritta per Giorgio Panariello ma che avrei voluto incidesse lui perche questo brano mi mette serenità, è ottimista forse come Renato non è mai stato, basta guardare come lo interpreta con quel faccino espressivo che sembra quasi un bambino, sorrisetti ammiccanti e tanta gioia nel suo volto, evidentemente anche in lui produce tanto ottimismo e quelle parole mi ricordano qualcosa… si intuisce benissimo che appartiene al periodo creativo di CATTURA quando poi dice SE HAI UN’IDEA UN’INTUIZIONE PER FAVORE MI AMI? E’ delizioso! E così “Aspettando domani” vi saluto…aspettando te Renato, aspettando un tuo disco, un tuo concerto magari me la canti? http://www.youtube.com/watch?v=uKUhx77P7QI

Accendete i vostri cuori…più vicini è più bello aspettando domani

E PARLANDO D’AMORE ABBIAMO TUTTI IN COMUNE LO STESSO NEL NOSTRO CUORE…UN GRANDE AMORE FIRMATO R.Z!!