RENATO E L’AMICIZIA

ner-nuov.jpg

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/vb-_q9h5E_I" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

L’Amicizia, che sentimento nobile, qualcuno lo definisce un Amore senza sesso.Renato di Amicizia ce ne ha cantata tanta, due canzoni su tutte: “Amico” e “Amico assoluto”, scritte in periodi di vita diversi e differenti anche nel contenuto, molto più pura e semplice la prima che parla dell’amicizia intesa come sentimento, intensa ed impegnata la seconda che a mio parere va oltre.Vorrei che metteste a confronto questi due brani, vorrei conoscere le vostre opinioni su due canzoni che a primo impatto potrebbero sembrare simili ma non lo sono, liberi poi di spaziare esprimendo il vostro concetto di amicizia.

Per me l’Amicizia come ogni sentimento che si rispetti va coltivata ogni giorno altrimenti si affievolisce, il distacco affettivo non l’ho mai sopportato, quando una persona si allontana da me io mi allontano da lei ma non è una cosa voluta bensì una reazione naturale e involontaria perchè nella mia vita ho bisogno di presenze costanti.

Di amici ne ho avuti tanti, soprattutto di amiche, mi sono sempre trovata bene con le donne, sono stata sempre la migliore amica di ognuna spesso contesa, amata in modo viscerale.Sarà che do tutta me stessa, do quel famoso 100% che non ottengo mai in cambio, non perché nella vita uno da per ricevere, no, questo mai, ma diciamo che se do 100 mi farebbe piacere ricevere almeno 50 per capirci, ma a conti fatti non è quasi mai così. E’ altrettanto vero che ognuno di noi concepisce il rapporto di amicizia a modo suo, non si può vivere un sentimento allo stesso modo così nell’amore come nell’amicizia.La mia caratteristica principale è quella di esserci sempre, soprattutto nei momenti difficili degli amici, anzi direi che in quei frangenti sono ancora più presente, non sopporto l’idea che una persona a cui voglio bene possa star male, spesso questo fa stare male anche a me, vorrei saperli sempre sereni e felici ma si sa che la vita questo non lo permette.Riesco spesso a mettermi al posto dell’altro e quindi non ragionando con il mio modo di essere ma con quello dell’altro in base al tipo di vita che conduce, questo fa si che riesca a comprenderli profondamente e ad essere di estremo conforto ed aiuto.Non è però neanche bella come dice il nostro Renato l’amicizia da pronto soccorso, ossia quelli che ti cercano solo quando hanno problemi, credo che Renato sia un grande amico e fortunato chi lo ha, il caso Bertè di cui ha riparlato recentemente ne è la dimostrazione.Poi ci sono quei casi in cui l’amico non vuole essere aiutato, si chiude in se stesso, non faccio nemmeno tanto fatica a capire questo atteggiamento perché anche io sono così, ciò non toglie però che è una cosa che mi fa soffrire molto perché mi sento impotente, inutile, perchè l’amicizia non può essere soltanto un rapporto di comodo, di risate, uscite e divertimenti, l’amicizia si dimostra proprio nel momento di bisogno e questa non è una frase fatta è la verità!Ma quante volte vi sarà capitato che proprio nel momento in cui avevate bisogno di un amico si è fatto il vuoto intorno a voi, perché esistono anche quel genere di persone che hanno solo voglia di divertirsi al momento delle lacrime e dei problemi si dileguano.Amico è tutto amico è l’eternità è quello che non passa mentre tutto va, un amore può anche finire ma un amico ti resta per sempre. Infatti “Amico” è l’espressione più pura dell’Amicizia mentre “Amico assoluto” a mio parere assume tutto un altro significato che però stavolta lascio a voi descrivere, sono molto curiosa di sapere cosa avete compreso da questa canzone le differenze che avete notato tra le due. Renato quando scrisse Amico era giovane, infatti il testo fa intravedere proprio il senso di un’amicizia dell’età, in età matura invece ci ha proposto “Amico assoluto”, la parte che mi colpisce e mi commuove di più è l’inizio: “Non meritiamo la felicità insoddisfatti sempre, la vita se c’è è una stagione qualunque”, voglio dire che l’amicizia viene menzionata e molti se la dedicano ma in realtà secondo me è rivolta molto alla vita, ai sogni che non si realizzano, ma mi fermo qui, il resto lo lascio a voi.Questo post per me è bellissimo, spero vogliate approfondirlo, tra l’altro anche tra noi, tra voi, si sono create delle belle amicizie, seppur virtuali, lontani eppure tanto reali a volte più forti di quelle che incontriamo fisicamente nella nostra vita.

Dedico questo Post e in particolare il Video che ho creato alla persona che me li ha ispirati,  un amico a cui voglio molto bene e che sta attraversando un momento difficile, non sono brava come te a realizzare i video ma spero che ne apprezzerai il significato…

P.S. Non c’è un errore di caricamento video, comincia proprio così.

Una canzone? No, occhiali!

5175_2.jpg

Non è questo il Post della settimana (a malincuore perche avevo un bel post) ma considerando che oggi ci dovrebbe essere la presentazione della collezione Nero d’Autore immagino che poi forse ne parleranno in qualche Tg o sicuramente la stampa in generale e conoscendo voi che vi esaltate per un piccolo articolo di giornale o appunto una visione celestiale a qualche Tg e dopo poi senza pietà mi stravolgete i Post ho preferito fare questa ultima parentesi su questa collezione.

Non ho chiamato il numero verde, ieri però ho visitato alcuni negozi di ottica del centro storico di Roma ma nessuno li aveva in vendita, ho chiesto ad una di questi e lei sbalordita mi ha detto: “Non è la prima che me lo chiede oggi se ho questi Nero d’Autore…ma cos’è c’è qualche pubblicità?” Così le ho risposto che li ha disegnati Renato Zero e c’è un po’ di movimento in giro per questo, la ragazza addetta alla vendita le ha confermato che Renato ha creato questa collezione, così la signora ha subito preso nota tra l’altro interessatissima. Incredibile ora devo fargli pure pubblicità intorno casa sua!!Il Video per chi ancora non lo avesse visto:

http://www.youtube.com/watch?v=5hKbGuQMSLA

Intanto dato che la presentazione dello Special l’avevo gradita segnalo:

http://www.youtube.com/watch?v=kNlJu4_e6zg

Sbizzarritevi qui perché a giorni finita l’ondata Nero d’Autore vi sarei grata se tornassimo a parlare di Renato Zero e la sua Musica.

NERO D’ AUTORE 2

glitter

Come promesso apro un nuovo Post sulla Collezione degli Occhiali Nero d’Autore firmata R.Z. che poi in realtà come simbolo hanno quella N che si trasforma in Z  Ogni iniziativa di Renato va messa in risalto e dato che gli occhiali sono finalmente in commercio ne possiamo parlare un pochino.Per quanto mi riguarda devo ancora vederli, in questi giorni se posso andrò a dargli un’occhiata anche perché ho aspettato che uscissero i suoi prima di farmi gli occhiali da sole nuovi e se ci sarà un modello che mi piace penso che li acquisterò, speriamo che i prezzi non siano esagerati, dovrebbero costare fino ad un max di 280 euro,  come tutti i griffati del resto, certo non mi sembrano molto economici! Vedremo un po’ di cosa si tratta… fateci sapere se siete andati a vederli, per ora si può vedere il filmato sul sito di Nero d’Autore ma non è che si vedano poi così bene!Intanto vi ricordo il numero verde per sapere quali sono gli ottici della vostra città che li vendono: 800134709Insomma un Post per parlare di questa collezione, come al solito di Renatino e di noi!

P.S. Alla vostra destra trovate il Post per lo Zeroraduno, che resterà fisso lì e comunque è prima di questo,  il Post è protetto da Password che verrà rilasciata soltanto a chi è veramente intenzionato a partecipare a questo incontro, in quel caso contattatemi via mail.

DUBITO!!

zebu4caydg6vvcavn3ey6cac8runnca2kwpuscamvkfqccawee3vjcaam81dnca8fo283ca1db2iuca5ek0u8cauzmgq5cauwm7laca5pnyfkcahfjgg2cabv5rhocal90smacaqpck7wca7k6935.jpg

Noi li a guardare la stella cometa, protagonisti di mille e una vita,
ci tramandiamo le nostre sfortune… le lune.
Nati e ignorati, pirati se vuoi,
noi senza miti ne santi con noi,
noi belli dentro noi comunque contro,
NOI CHE CADIAMO E CI RIALZIAMO SUBITO!
Ci siamo persi in immense pianure nude nel vento le nostre paure.
FORTE E’ LA RABBIA SE UN’ANIMA E’ SOLA…
NON VOLA!
Addormentati nel buio del cuore, dove il dolore non fa più rumore.
Svegliati adesso, dai sveglia l’amore che nessun altro lo può fare…
DUBITO che tu potrai capirci, DUBITO CHE POTRAI DIGERIRCI DUBITO!
Che il tuo veleno è dolce, dubito non è questione di pelle, non è l’abito.
NOI FIGLI DI UN MOMENTO ATOMICO
Strano miscuglio biologico un caso clinico. Siamo l’opposto, di quello che sei
Noi, una risposta che non giunge mai… Logico. Logico!
Noi un dettaglio di questo pianeta,

NOI CHE NON CI COMPRA NESSUNA MONETA
Noi naviganti, randagi, ambulanti, così invadenti.
Che ci ammaliamo di sogni e di vita, noi con lo zucchero sopra le dita.
CHE SE RUBIAMO NON CI NASCONDIAMO
CHE QUANDO AMIAMO CI INABISSIAMO
Dubito che subiremo il buio, dubito.
CHE TI FAREMO ANCORA CREDITO
se il cielo non ritorna limpido.
La nostra pazienza è a un punto critico.
Vogliamo riprovare il brivido.
Noi la miscela la spinta l’idea… il pane e la poesia.
Nei calendari processioni e cortei
Stanchi di essere ombre di eroi…. Dubito.

E se smettessimo di piagnucolare
Di commiserarci, di farci del male,
SE PROVASSIMO A DIRCI QUELLO CHE C’E’ DA DIRE
RITROVANDO LA GIOIA DI STARCI A SENTIRE

Se non fossimo più PORTATORI D’OBLIO
Lacerati e divisi… Questo è tuo, questo è mio.
Senza precauzioni, recinzioni o fobie,
che la vita è più sana, senza troppe bugie… BUGIE!
CACCEREMO QUEI LADRI IMPOSTORI RUFFIANI
SE NOI FOSSIMO INSIEME CI SAREMMO DOMANI!
QUANDO LA TUA RICCHEZZA E’ UN PREZIOSO CONSIGLIO
TI SARAI MERITATO IL RISPETTO DI UN FIGLIO!
Non si può più aspettare per salvare il pensiero,
e stavolta non dubito che sei un uomo davvero.
CHE SEI UN UOMO DAVVERO

VERO!

 

“DUBITO” nella mia mente l’associo ad Aria di Pentimenti e comunque tutto L’Imperfetto sappiamo bene che è un disco molto impegnato e sapete quanto mi rispecchio in esso.Estraggo Dubito perché? Perché è un brano dai toni forti e veri proprio come piacciono a me, se rileggete bene il testo sopra vedrete che ho evidenziato in maiuscolo le frasi più ad effetto per quanto mi riguarda, quelle che mi colpiscono di più quando l’ascolto, a volte sembra una lezione di vita, il parlato finale devo dire che mi ha sempre colpito in maniera particolare.Il dubbio è insito in ognuno di noi, in questo caso il dubbio che chi sta al di la della barricata possa comprendere l’onestà, i valori veri della vita, l’umiltà, una vita senza compromessi!Certo come si suol dire oggi se non hai qualche santo in paradiso non vai da nessuna parte, l’Italietta delle raccomandazioni fa si che senza le giuste conoscenze si emerge difficilmente, chi ha veramente talento non fa carriera, a chi invece ha gli appoggi dall’alto vengono spesso dati incarichi di cui il più delle volte non ha nemmeno le capacità. Retorica? No,realistica!Parliamoci chiaro qui non funziona niente e Renato non fa altro che comunicarcelo attraverso le sue canzoni.Riflettete bene su quando dice: “Siamo l’opposto di quello che sei, noi una risposta che non giunge mai, Logico! Logico!” Il mondo si divide in due parti, coloro che ancora vogliono farcela solo con le proprie forze, noi che non ci compra nessuna moneta, che ancora credono nei sogni, che però non vivono nell’oblio che sanno vedere ciò che non va e che sanno ribellarsi perché ancora ci credono in un cambiamento,  quelli che non vogliono più vivere nell’ombra e che in fondo sono il vero motore di questa società! L’altra parte la conosciamo tutti perchè sono l’esatto contrario!Renato ci invita ad unirci, a non commiserarci a dialogare e a trovare la forza di reagire sempre! Bellissimo quando dice: Cacceremo quei ladri, impostori, ruffiani se noi fossimo insieme ci saremmo domani”

Il Rispetto di un figlio bisogna meritarselo, non è certo con i beni materiali, con le minacce o con troppe proibizioni (per me proibire non sempre vuol dire educare) che si può essere rispettati dai figli ma dando l’esempio, con la lealtà e con preziosi consigli affinchè possa affrontare al meglio la vita, allora si ti sarai meritato il rispetto di un figlio!L’ho già detto e lo ripeto L’Imperfetto rispecchia proprio il mio modo di vedere la vita e Dubito è un’altra di quelle canzoni che in certi periodi come questo ascolto a repeat! Mi da la giusta carica è una specie di sfogo cantato per me e mi piace molto anche musicalmente! Per me questo testo parla da solo non ha bisogno di altre parole perchè dice esattamente quello che penso io! Anche se questo brano si commenta da solo  voi sapete che da ampi spunti di riflessione perciò per chi volesse cogliere l’occasione per dire la sua su Renato, sulla canzone e sugli argomenti trattati nel testo che ben venga!

GRAZIE RENATO ti prego fammi un altro disco di questo spessore, torna il Renato grintoso, spregiudicato, quello che condanna, protesta, quello che ci ricorda sempre che bisogna reagire a TUTTO, alle ingiustizie della vita e a questo mondo che non è come lo volevamo noi.