DUBITO!!

zebu4caydg6vvcavn3ey6cac8runnca2kwpuscamvkfqccawee3vjcaam81dnca8fo283ca1db2iuca5ek0u8cauzmgq5cauwm7laca5pnyfkcahfjgg2cabv5rhocal90smacaqpck7wca7k6935.jpg

Noi li a guardare la stella cometa, protagonisti di mille e una vita,
ci tramandiamo le nostre sfortune… le lune.
Nati e ignorati, pirati se vuoi,
noi senza miti ne santi con noi,
noi belli dentro noi comunque contro,
NOI CHE CADIAMO E CI RIALZIAMO SUBITO!
Ci siamo persi in immense pianure nude nel vento le nostre paure.
FORTE E’ LA RABBIA SE UN’ANIMA E’ SOLA…
NON VOLA!
Addormentati nel buio del cuore, dove il dolore non fa più rumore.
Svegliati adesso, dai sveglia l’amore che nessun altro lo può fare…
DUBITO che tu potrai capirci, DUBITO CHE POTRAI DIGERIRCI DUBITO!
Che il tuo veleno è dolce, dubito non è questione di pelle, non è l’abito.
NOI FIGLI DI UN MOMENTO ATOMICO
Strano miscuglio biologico un caso clinico. Siamo l’opposto, di quello che sei
Noi, una risposta che non giunge mai… Logico. Logico!
Noi un dettaglio di questo pianeta,

NOI CHE NON CI COMPRA NESSUNA MONETA
Noi naviganti, randagi, ambulanti, così invadenti.
Che ci ammaliamo di sogni e di vita, noi con lo zucchero sopra le dita.
CHE SE RUBIAMO NON CI NASCONDIAMO
CHE QUANDO AMIAMO CI INABISSIAMO
Dubito che subiremo il buio, dubito.
CHE TI FAREMO ANCORA CREDITO
se il cielo non ritorna limpido.
La nostra pazienza è a un punto critico.
Vogliamo riprovare il brivido.
Noi la miscela la spinta l’idea… il pane e la poesia.
Nei calendari processioni e cortei
Stanchi di essere ombre di eroi…. Dubito.

E se smettessimo di piagnucolare
Di commiserarci, di farci del male,
SE PROVASSIMO A DIRCI QUELLO CHE C’E’ DA DIRE
RITROVANDO LA GIOIA DI STARCI A SENTIRE

Se non fossimo più PORTATORI D’OBLIO
Lacerati e divisi… Questo è tuo, questo è mio.
Senza precauzioni, recinzioni o fobie,
che la vita è più sana, senza troppe bugie… BUGIE!
CACCEREMO QUEI LADRI IMPOSTORI RUFFIANI
SE NOI FOSSIMO INSIEME CI SAREMMO DOMANI!
QUANDO LA TUA RICCHEZZA E’ UN PREZIOSO CONSIGLIO
TI SARAI MERITATO IL RISPETTO DI UN FIGLIO!
Non si può più aspettare per salvare il pensiero,
e stavolta non dubito che sei un uomo davvero.
CHE SEI UN UOMO DAVVERO

VERO!

 

“DUBITO” nella mia mente l’associo ad Aria di Pentimenti e comunque tutto L’Imperfetto sappiamo bene che è un disco molto impegnato e sapete quanto mi rispecchio in esso.Estraggo Dubito perché? Perché è un brano dai toni forti e veri proprio come piacciono a me, se rileggete bene il testo sopra vedrete che ho evidenziato in maiuscolo le frasi più ad effetto per quanto mi riguarda, quelle che mi colpiscono di più quando l’ascolto, a volte sembra una lezione di vita, il parlato finale devo dire che mi ha sempre colpito in maniera particolare.Il dubbio è insito in ognuno di noi, in questo caso il dubbio che chi sta al di la della barricata possa comprendere l’onestà, i valori veri della vita, l’umiltà, una vita senza compromessi!Certo come si suol dire oggi se non hai qualche santo in paradiso non vai da nessuna parte, l’Italietta delle raccomandazioni fa si che senza le giuste conoscenze si emerge difficilmente, chi ha veramente talento non fa carriera, a chi invece ha gli appoggi dall’alto vengono spesso dati incarichi di cui il più delle volte non ha nemmeno le capacità. Retorica? No,realistica!Parliamoci chiaro qui non funziona niente e Renato non fa altro che comunicarcelo attraverso le sue canzoni.Riflettete bene su quando dice: “Siamo l’opposto di quello che sei, noi una risposta che non giunge mai, Logico! Logico!” Il mondo si divide in due parti, coloro che ancora vogliono farcela solo con le proprie forze, noi che non ci compra nessuna moneta, che ancora credono nei sogni, che però non vivono nell’oblio che sanno vedere ciò che non va e che sanno ribellarsi perché ancora ci credono in un cambiamento,  quelli che non vogliono più vivere nell’ombra e che in fondo sono il vero motore di questa società! L’altra parte la conosciamo tutti perchè sono l’esatto contrario!Renato ci invita ad unirci, a non commiserarci a dialogare e a trovare la forza di reagire sempre! Bellissimo quando dice: Cacceremo quei ladri, impostori, ruffiani se noi fossimo insieme ci saremmo domani”

Il Rispetto di un figlio bisogna meritarselo, non è certo con i beni materiali, con le minacce o con troppe proibizioni (per me proibire non sempre vuol dire educare) che si può essere rispettati dai figli ma dando l’esempio, con la lealtà e con preziosi consigli affinchè possa affrontare al meglio la vita, allora si ti sarai meritato il rispetto di un figlio!L’ho già detto e lo ripeto L’Imperfetto rispecchia proprio il mio modo di vedere la vita e Dubito è un’altra di quelle canzoni che in certi periodi come questo ascolto a repeat! Mi da la giusta carica è una specie di sfogo cantato per me e mi piace molto anche musicalmente! Per me questo testo parla da solo non ha bisogno di altre parole perchè dice esattamente quello che penso io! Anche se questo brano si commenta da solo  voi sapete che da ampi spunti di riflessione perciò per chi volesse cogliere l’occasione per dire la sua su Renato, sulla canzone e sugli argomenti trattati nel testo che ben venga!

GRAZIE RENATO ti prego fammi un altro disco di questo spessore, torna il Renato grintoso, spregiudicato, quello che condanna, protesta, quello che ci ricorda sempre che bisogna reagire a TUTTO, alle ingiustizie della vita e a questo mondo che non è come lo volevamo noi.