IL SOGNO

2004531153917.jpg

 

Il Sogno, non si può non festeggiarlo una tantum. Anche perché, quando lui si assenta o non viene evocato, nel mondo i disastri si sprecano: Violenze. Abusi. Tirannie e Guerre.Sembra un pallido pretesto. Una scusa per non lavorare. Un modo poetico di estraniarsi dai problemi circostanti e invece…Lui è una soluzione. La giusta alternativa al degrado morale. La voce alle voglie sopite. La risposta alla disidratazione costretta di certi insostituibili valori.Il Sogno mi ha accompagnato fin qui. Mai un dissapore. Un dubbio. Un tradimento.Mi è stato vicino sempre. La faccia di mio padre. La voce di Adarella, mia madre. Il profumo di tanti e tanti compagni di chitarre. È sempre stato presente Persino nel successo. Ed è stato proprio in quei frangenti che l’ho apprezzato di più. Perché il successo talvolta può toglierti il gusto di tentare altri viaggi.

RENATO ZERO

Tante volte nel Blog abbiamo sfiorato questo argomento e tante altre vi ho detto che non ho mai creduto ai sogni. Quando Renato ci propose Cattura il sogno in Tour, rimasi colpita dal grande manichino gonfiabile che rappresentava il Sogno che lui stesso ci ha presentato.Tutti ricorderete le parole dette da Renato durante il concerto a proposito dei sogni, ci invitava a crederci, a non demordere, ad inseguire i sogni! Io lo ascoltavo in modo piuttosto scettico, non ero affatto d’accordo con lui perché ai sogni non ci credo e non ci ho mai creduto!Sono una persona troppo realista per credere ai sogni, vivo con i piedi per terra mai nessun volo perché poi da quell’altezza sai non ci si salva mai…Sarà forse perché fin da quando ero bambina non mi si è avverato nemmeno un sogno, dico nemmeno uno! Ammetto che ogni tanto la mia mente da piccolina creava dei piccoli film dove erano racchiusi tutti i miei desideri poi pian piano quelle mie fantasie andarono a scontrarsi con la dura realtà e così anche quel mio modo di fantasticare svanì lasciando per sempre il posto ad una persona priva di sogni.

Forse ho nutrito qualche speranza ma mai più sogni, sono troppo disincantata, delusa dalla vita, dalla gente, eh si perché spesso sono stati proprio gli altri a far crollare tutte le mie speranze, non si è mai avverato nulla dalla cosa più banale a quella più importante.

A volte mi capita di parlare con amici e parenti e quando cominciano a sognare ad occhi aperti e a fantasticare provo un senso di fastidio, loro dicono che è bello sognare ma gli rispondo cosa c’è di bello se poi apri gli occhi e ti ritrovi sempre allo stesso punto? Io sogno solo mentre dormo!

Negli ultimi mesi si era riaccesa in me una speranza, una luce, qualcosa che a tratti mi sembrava un sogno ed invece poi ancora una volta mi sono scontrata con la triste realtà, faccio bene io a non sognare mai, il giorno che vivrò nella mia vita un’esperienza da sogno forse chissà potrò dirvi che anche io credo nei sogni!

Lo stralcio di intervista che ho riportato sopra ci dimostra ancora una volta quanto Renato creda ai sogni ed invita noi a crederci, certo per realizzarci un tour su questo tema era scontato quanto nella sua vita sia importante sperare e sognare, ma è altrettanto vero che lui ha avuto la fortuna di veder realizzati i propri sogni, infatti non ha mai smesso di crederci!

Renato da un significato più ampio al sogno, per lui il sogno siamo noi, il padre, la madre…

Dice che quando il sogno nel mondo non viene evocato si sprecano i disastri, certo bastasse sognare per non vedere più guerre, abusi e violenze…forse voleva dire che se chi commette quei reati avesse inseguito un sogno magari non sarebbe arrivato a compiere simili atrocità, ma forse sono proprio persone a cui la vita non ha permesso di sognare… insomma troppo complicato e riduttivo come concetto.

Fantastico invece il punto in cui dice che il sogno è stato presente anche nel successo e che in quei frangenti lo ha apprezzato ancora di più perchè a volte il successo può toglierti il gusto di tentare altri viaggi, a questo non aggiungo altro perchè questa considerazione ci dice tutto su chi sia Renato Zero, straordinaria persona che ha saputo controllare il successo senza mai dimenticarsi chi era e da dove veniva, senza adagiarsi mai, con la voglia di reinventarsi ogni volta!

Non si vive certo di sogni Renatino mio, da quando ci hai parlato in quel fantastico concerto avrei voluto poter avere a disposizione almeno una mezzoretta con te per poter affrontare l’argomento, per vedere se almeno tu riesci a farmi ricredere…

Tra l’altro anche alcune sue canzoni evocano i sogni.

E voi zerofolli sognatori? Che rapporto avete con i sogni?

Vi ricordate cosa ci disse Renato durante il concerto? Tra l’altro per chi non c’era può riascoltarlo sul dvd Figli del Sogno!

Ci credete? Se si datemi almeno una ragione valida per crederci, raccontate se nella vostra vita si è realizzato almeno un sogno, ma non cose banali o scontate, per me il sogno è quella cosa che ti fa dire: Non avrei mai creduto che capitasse proprio a me!

Ah quanto mi piacerebbe poter sognare!