EMERGENZA NOIA

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/2rWt7ILHIRA" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Io non resisto accendi un sole per me...
Non stare lì impassibile azzarda l'impossibile
qualunque cosa, anche un sorriso usato se c'è.
È la noia che ogni voglia spazza via

Tratto da "Amore dopo Amore" Emergenza Noia, uno stato d'animo raccontato a ritmo di rock!L'essere umano è alla continua ricerca di stimoli, ha desideri e idee che vorrebbe realizzare ma nel momento in cui questo non gli riesce gli sembra di perdere tempo, avverte un senso di vuoto ed è così che si cade nella trappola della noia. Dice bene Renato EMERGENZA noia, la noia sta veramente diventando un emergenza nella nostra società basti pensare a questi giovani che pur avendo tutto sono continuamente annoiati e così per combattere la noia compiono azioni deplorevoli come stupri di gruppo, o la moda di qualche anno fa per cui gettavano sassi dai cavalcavia spezzando le vite umane, ci sono poi tanti altri esempi in cui la noia li ha portati alla violenza e alla distruzione!Questo non accadeva una ventina di anni fa, forse proprio perchè noi non avevamo tutto, ne computer ne cellulari ecc. ecc. sapevamo divertirci e se ci annoiavamo cercavamo di fare qualcosa di interessante non certo di distruttivo, sono del parere che questo troppo avere ha portato a non avere più stimoli e quindi a cercarli in modi a dir poco criminali!

Pillole ed intrugli vanno giù da soli sono voli simulati quelli tuoi...
Benvenuti nella culla dei fantasmitroppo tardi ti risveglierai
Se tentenni avrà ragione lei...

Altro metodo usato da sempre per sconfiggere la noia soprattutto nei giovani sono le droghe, quei voli simulati che li portano a sentirsi diversi inconsapevoli di fare soltanto del male a se stessi.

E' una continua frustrazione così
neppure il sesso fa miracoli qui...

Per noia molte persone tradiscono il loro partner, stanchi della solita routine vengono assaliti dalla noia di coppia cercano stimoli altrove.

Siamo tutti potenzialmente vittime della noia, devo dire che non soffro molto la noia, mi annoio particolarmente in casi in cui sono costretta ad uscire o a stare in un determinato giorno con persone che non fanno parte dei miei interessi, a tutti credo che ci capiti di essere costretti per una cena o per festività a dover stare con persone di cui avremmo fatto volentieri a meno, ecco in quel caso vengo assalita dalla noia più totale e vorrei tanto scappare o sicuramente stare da un'altra parte. Con me stessa non mi annoio mai, anche se capita che non ho nulla da fare sto bene anche in quel momento anzi lo sfrutto per riposare un pò la mia mente che devo dire è sempre in piena attività! 

E voi soffrite la noia?

Certo bisogna ammettere che la noia non ha soltanto lati negativi ma anche positivi, pensiamo solo che se non ci fosse stato in passato chi era alla ricerca di cose nuove, di stimoli, di creatività a quest'ora vivevamo ancora in una società antica.

Non venirmi a dire che si può star bene con la mente sempre in avaria, rapinati della fantasia.
Non resisto con te altri stimoli ho
giorni che vanno via senza un movente però

Ancora la fantasia che salva Renato come credo un pò tutti noi, si possono fare voli con la fantasia e immaginare di essere altrove in tutta un'altra dimensione con chi desideriamo noi, e sempre con la fantasia ci si può inventare qualcosa di creativo da fare, trascorrere i giorni senza un obiettivo è sicuramente deprimente e allora bisogna sempre inventarsi qualcosa da fare purche sia sano, civile e non arrechi danni agli altri.

Insomma Renatino pare sia morto di noia in qualche occasione ma ha saputo vincerla, certo non mi sembra affatto un uomo pigro, già il fatto che è un Artista è segno di creatività!

Il Video è tratto da Amore dopo Amore Tour e secondo me in scaletta ci stanno sempre bene brani come Emergenza noia che appunto non annoiano perchè pur trattando questo tema lui lo ha accompagnato ad un ritmo accattivante che ci fa scatenare un pò tutti ai concerti e mi dispiace che invece Live non ci sono state molte occasioni per poterla ascoltare.

A voi i commenti sul brano, sulla noia e sul vostro modo di combatterla!

NATURALMENTE STRANO

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/7t8aQLvp_PM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Naturalmente strano, il tutto e il contrario di tutto…Estrapolo dal mio amatissimo CATTURA “Naturalmente strano”Il brano mi piace molto musicalmente ed anche per la velocità con cui è cantato.Una canzone autobiografica che racconta di un personaggio estremamente affascinante, a tratti contraddittorio non ci sono dubbi è Lui!

Il fascino di questa persona sta nel fatto che non sta da nessuna parte, di ragionare solo con il suo cervello senza condizionamenti esterni, fa semplicemente ciò che gli va di fare in quel momento e magari il giorno dopo fa l’opposto, la sua stranezza consiste esattamente in questo.

Non un egoista perché vorrebbe pensare a se stesso e invece non riesce a non pensare ai mali del mondo, delle persone a tal punto da farli suoi e quindi un anima buona. Una persona sfuggente, un latitante che però non si isola perché puntualmente torna nel coro aspettando che la notte scenda, ancora una volta torna il tema della notte, la notte che è Vera e non bugiarda, calda, la notte in cui lui stesso si identifica.

E’ una persona priva di etichetta, bellissima definizione, quante volte negli anni ho detto che non mi piace etichettare le cose o le persone?

Eh si perché ognuno è com’è, non credo sia giusto dare delle definizioni.

Brucia la vita eppure non ha fretta….si perché si possono fare tante cose, bruciare le tappe, accumulare tante esperienze con naturalezza senza però avere la fretta di farlo, questa fretta che invece appartiene a noi essere umani sempre più avidi di avere, di sapere, di arrivare…

Infila il naso dove gli va e quindi può vedere e conoscere tutte le realtà!

Rifiuta l’uniforme e gli inviti della pubblicità quindi colui che pur potendo non trascorre la vita con un certo tipo di persone ma preferisce fare ciò che più gli piace dicendo esattamente così:

Pranzo coi neri, ceno coi rossi, mi fidanzo con chi mi va…Io sono strano…forse è per questo più umano eh già…Io sono strano, se vuoi vedere che effetto fa sali sul treno…

Questo è Renato, una persona che non fa distinzione ne di sesso ne di razza, sceglie semplicemente in base a chi ha di fronte e quindi può fidanzarsi con un uomo o con una donna, senza badare alla provenienza ne geografica ne sociale.

Si lascia cadere il sogno nel grande oceano dell’omertà…Di essere uomo io mi vergogno è la verità…almeno strano sta diventando una qualità.

E come dargli torto? L’omertà fa parte del nostro paese, fanno tutti finta di non vedere e non sentire, sono in pochi ad avere il coraggio di esporsi e per questo c’è da vergognarsi…senza ombra di dubbio…

Un figlio del controsenso e pure qui ci siamo…è Renato!

E poi c’è questa fantasia che ricorre in molte canzoni, la fantasia che gli appartiene ed è fondamentale, chi non ha fantasia paga con la miseria.

Son di tutti e di nessuno, sono roccia e prateria, non ho un limite un orario l’odio io non so che sia…io mi perdo e mi ritrovo, vecchio e nuovo usato mai, mi sbiadisco e mi coloro son di me l’altrà metà..Strano…

Fantastico e geniale questo passaggio!!! Praticamente è tutto e il contrario di tutto!

Una persona che non appartiene a nessuno se non a se stessa e quindi completamente libera, che sa essere duro in certi momenti e docile quando serve… una persona senza limiti e senza orari, che a volte è folle e colorato ed altre un po’ più spento, l’altrà metà di se stesso…

Ebbene questo passaggio estremamente affascinante mi da proprio l’idea di libertà, di una persona divisa a metà proprio perché appunto può essere in un modo o nell’altro ma solo in base alle sue scelte, alle sue voglie, alle sue fantasie, praticando solo ciò che più gli piace in determinati momenti.

Conclude con un avvertenza ossia quella di stargli lontano perché è troppo strano…

Sicuramente una descrizione estrema, pur essendo strani non si può essere completamente liberi di fare ciò che si vuole senza limiti, orari, perché già lavorare di per se da dei limiti ed orari, però nel complesso una persona credibile un po’ perche racconta di se stesso e della bellezza dell’essere strano che in quella stranezza lo rende molto più umano, proprio perché privo di regole e convenzioni e quindi di pregiudizi, più vicino a tutti senza escludere nessuno e quindi solo chi ha toccato con mano tutti i ceti sociali e ha fatto tante esperienze l’una l’opposto dell’altra può comprendere meglio l’umanità e quindi umanizzare ancor di più se stesso.

Io spesso mi definisco strana e devo ammettere che mi ci definiscono anche gli altri…ma non a questi livelli!

Oltre a commentare il Post e il brano, mi piacerebbe se ognuno di voi volesse descriversi un po’ più dettagliatamente magari prendendo spunto dalla canzone  per raccontare la propria personalità, le caratteristiche più spiccate ed anche le stranezze perché no?

Anche questo servirà a conoscerci meglio!

IL SOLE CHE NON VEDI

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/_cuRLtA_iag" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

“Dobbiamo guardare l’orizzonte, invece di chinare il capo e mettere a tacere le nostre aspirazioni”Così Renato diceva a proposito di “Il Sole che non vedi”

Sono lieta di inaugurare il primo Post dedicato ad una canzone del nuovo disco di Renato Zero.Scelta perché è quella mi emoziona di più, che ritengo profonda e ricca di significati, dove vedo un Renato che comincia un pochino ad essere in conflitto con la Fede rendendosi conto che tutto dipende da noi…

“C'è un sole che non vedi, lui ti parla e tu gli credi
E' questa la fede?
Darsi completamente ti avvicinerà alla gente, è questo il movente?
La violenza è il nuovo vangelo, ma Cristo non c'è
Se avremo mai un avvenire, dipende da noi, lo sai”

La violenza è il nuovo Vangelo perché c’è sempre più violenza in questo mondo e sempre meno persone che credono in qualcosa o qualcuno… ma Cristo non c’è e quindi il nostro futuro dipende solo da noi…

L’uomo ha rovinato e continua rovinare con le sue stesse mani il mondo, ci sono talmente tanti esempi che lascerò che siate voi a portarli.

Di egoismi ci siamo ammalati mentendo a noi, siamo sempre più presi dalle nostre cose a volte anche futili e poi ci accorgiamo che c’è bisogno di solidarietà sempre quando accadono catastrofi e ne abbiamo purtroppo un recente esempio. Se fossimo tutti più uniti e non pensassimo solo a noi stessi forse si potrebbero fare tante cose ma la vita a volte sembra una corsa contro il tempo, questo tempo che ci manca sempre e basta a malapena per la nostra quotidianità e allora ci dimentichiamo di tendere una mano a chi ne ha più bisogno dal povero all’ammalato, dall’anziano al disabile, via via fino ad arrivare semplicemente ad un amico in difficoltà.

L’egoismo è dire di no, è negarsi…è negare…è non darsi…spesso dico che un po’ di sano egoismo nella vita fa bene perché bisogna pensare anche a se stessi ma senza mai dimenticarci degli altri…Darsi completamente ti avvicinerà alla gente… è proprio così perché facendo qualcosa per gli altri ci si sente sempre più sereni.

Di questa canzone mi colpisce anche questo passaggio:

"E' il momento di dirci tutto…Adesso o mai più…
E quel bimbo che sta nascendo, magari sei tu...sei tu"

E’ di grande intensità!

"Ho deciso: combatto al tuo fianco
Ho deciso: resto
Io non lascio, addirittura pretendo la parte mia
Perchè un vero soldato ha ben chiaro cos'è l'inferno"

La vita purtroppo è una continua lotta, bello avere qualcuno che addirittura pretende la parte sua per combattere al nostro fianco, che non ha intenzione di abbandonarci, quelle persone che ci sono nel bene e nel male e che anzi se possibile nel momento del bisogno sono ancora più Presenti!

L’unione fa la forza è proprio vero, ma c’è bisogno di altruismo, di generosità, di disponibilità, ma in quanti sono veramente disposti a rinunciare a qualcosa pur di aiutare un altro? Quanti riescono a mettere da parte i propri egoismi per regalare sorrisi?

Pochissimi….come ho detto più volte sono completamente innamorata del passaggio in cui canta:

"Dov'è che porterai il sorriso mio, la mia spensieratezza?...Rispondi!
A chi dedicherai la luna, il suo stupore, la fierezza?...Rispondi!"

Mi da i brividi e mi fa pensare a tante cose…soprattutto al fatto che non so più cosa sia la spensieratezza, sono anni che non mi sento più spensierata e questo credo che valga un po’ per tutti noi, forse la spensieratezza appartiene solo ai bambini, agli adulti non è più concesso questo lusso e sarà per questo che a volte avverto il forte desiderio di tornare bambina…

I sorrisi poi…sono una persona che sorride spesso, vivo di sorrisi e amo chi sa regalarmi i sorrisi ma spesso c’è da chiedersi dov’è che andranno a finire…

C’è un sole che non vediamo, siamo accecati da tante cose a tal punto che stentiamo a vedere quella luce… eppure basterebbe guardare più attentamente piuttosto che lasciarci distrarre da tante banalità, perché come dice Renato:

La vita ci mette tutto a disposizione ma siamo così stupidi da sciupare le opportunità.

E’ vero o non è vero?  Abbiamo tutto eppure spesso ci sono cose davanti ai nostri occhi che non riusciamo a vedere! C’è chi si accorge troppo tardi di aver sprecato una grande opportunità…

Il finale di questo brano è veramente suggestivo, sia per l’interpretazione vocale di Renato che per le parole:

"Tutto quello che ci serve è un orizzonte completamente aperto
Una domenica, un pane ed una spiaggia dove ritrovarci o perderci
La volontà non manchi, e una preghiera ci accompagni ovunque, per non dimenticare
Mentre aspettiamo che si faccia sera, perchè di sera si è più veri, si è migliori
Perchè di sera si ritorna sempre…"

Adoro la sera, il buio, la notte, è vero che la sera si è più veri, si è migliori perché ci spogliamo degli abiti che abbiamo indossato nella società, a scuola e al lavoro non siamo gli stessi che siamo la sera a casa, con la nostra famiglia o semplicemente soli nella nostra stanza, la dove ognuno può tornare ad essere se stesso, liberandosi dei problemi della giornata, perché di sera si ritorna sempre a casa!

Avrei ancora tante cose da dire su questo testo che è ricco di spunti, magari proseguirò insieme a voi!


PASSATO E PRESENTE

zero_giallo19781.jpgrenatozz.jpg

Pippo Baudo: Cosa pensi quando ti rivedi in vecchi filmati?

Renato Zero: Mi chiedo…ma quello ero io??

Tra l’altro lo dice estremamente divertito!

Certo che fa fatica pure Renato a riconoscersi, molto spesso ha fatto questa battuta ma senza mai rinnegare il suo passato.

C’è una grande differenza tra il ragazzo di ieri e l’uomo di oggi, un artista che è stato in continua evoluzione, tutti d’accordo che ad oggi non potrebbe indossare tutine attillate e trucchi pesanti.

Eppure musicalmente è stato sempre coerente perché trasgrediva, stupiva, denunciava, rifletteva e commoveva 30 anni fa e così continua a fare, resta comunque uno dei pochi cantanti italiani con canzoni impegnate nel sociale.

Ci sono fans legati al passato che non si rendono conto che in realtà non amano lo Zero di oggi ma vivono di ricordi e lo amano più per il suo passato che per il Presente.

Io sono del parere che se un amore finisce non lo si può continuare ad alimentare con insistenza in nome dei bei tempi andati, se non si è più soddisfatti tanto vale voltare pagina.

Io faccio parte della schiera di Sorcini che adorano il Renato di oggi, a me piace anche con tutte le sue contraddizioni che lo rendono ancora più umano, faccio una netta distinzione tra i due Zeri ma li amo entrambi, non riconosco molto il Renato di ieri con quello di oggi ma questo credo che vale per tutti non solo per lui, nemmeno io sono la stessa di dieci anni fa, la vita ci cambia, le esperienze ci maturano e a volte volenti o nolenti tutto questo influisce sulla nostra personalità in taluni casi positivamente in altri negativamente, l’importante è sempre non rinnegare ciò che siamo stati.

Quando guardo i suoi vecchi filmati lo faccio con grande ammirazione soprattutto per il coraggio che ha avuto in tempi in cui veramente esisteva la trasgressione perché per me non esiste più, infatti mi chiedo cosa mai potremmo definire trasgressione in questi tempi…se ci riflettete bene niente, oggi fa più scalpore la normalità, vediamo in tv di tutto dal nudo alle parolacce fino ad arrivare a cantanti che insultano e tirano oggetti sul loro stesso pubblico, credo che non ci faccia nemmeno più effetto, poi magari ti si presenta al Festival di Sanremo un personaggio retrò come Arisa ed ecco che c’è lo stupore e l’attenzione del pubblico per quel suo essere “diversa” senza trasgressioni o volgarità.

Dunque Renato lo stimo per essere stato trasgressivo ed anticonformista in periodi in cui veramente la gente ancora si scandalizzava e quel coraggio non lo ha perso mai.

I suoi trucchi e travestimenti affascinavano e allo stesso tempo spaventavano chi in lui vedeva qualcosa di indefinito, di lontano dal loro modo di essere.

Eppure nonostante tutto entrò nel cuore di moltissimi giovani che per lui facevano di tutto, andavano truccati ai suoi concerti, scappavano di casa pur di poter assistere ad un suo spettacolo.

Ma il bello almeno secondo me è che lui pur apparendo così strano, diverso e provocatore mandava messaggi di pace, di amore, contro la droga, ha sempre incitato ad andare avanti solo con le proprie forze senza ricorrere ad espedienti negativi, insomma soltanto messaggi positivi!

Eppure se ci riflettete l’apparenza avrebbe portato a pensare che invece quel ragazzaccio poteva dare ai suoi sorcini messaggi negativi!

E questo lo pensavano in effetti tanti genitori che si basavano sull’apparenza senza soffermarsi sulle sue canzoni.

Invece oggi questi cantanti cosiddetti alternativi trasmettono soltanto pensieri negativi al loro pubblico, basta pensare a quanti cantanti o gruppi musicali cantano di droghe, alcol e altro ancora insomma il totale contrario di Renato, non sono certo un buon esempio per i giovani.

Renato oggi è un Artista ancora più completo, continua ad essere vicino al suo pubblico con brani sempre positivi, forse un po’ più adatti all’età che sta vivendo, come se volesse tramite la sua vita dare degli insegnamenti in modo che ognuno possa fare tesoro delle sue esperienze e questo lo si può notare specialmente in questo suo nuovo disco.

La mia completa ammirazione ad un cantante che da sempre lancia messaggi positivi al suo pubblico….

Una cosa è certa…non nascerà più un altro Renato Zero!

Questo Post è un viaggio tra Passato e Presente, ognuno può commentare questo passaggio come meglio crede.

Ovviamente anche i commenti per eventuali interviste o partecipazioni in Tv possono essere lasciati  qui.