VIVI TU

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/UKojIeDEdRY" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

 

Aprimi, sono qui, non sorprenderti
La tua luce era accesa ed io non so resisterti.
Eccomi a casa tua, ci devi credere
Dopo mille sorprese tue ci provo anch’io.

“Vivi Tu” un brano molto delicato che a primo ascolto non mi entusiasmò ed invece con il passare del tempo l’ho apprezzato sempre di più. Conosco persone non zerofolli che hanno ascoltato Presente e ad ognuna di loro ho chiesto quale fosse il brano che gradivano di più dell’intero disco, ebbene sorprendentemente la risposta è stata proprio: Vivi Tu così ho pensato di scriverci un Post

E’ un pezzo accompagnato da una musica dolce che mette in risalto la bellissima voce di Renato, è breve ma intenso.

Mi sembra che agli inizi non sia stata molto amata nemmeno dagli Zerocondomini.

Questa canzone a mio parere può avere una triplice interpretazione, ma andiamo per gradi.

Prima di tutto ricordo il vero significato della canzone che ci ha spiegato Renato stesso in una delle sue interviste, riporto testuali parole:

“Vivi tu  è una serenata che ho dedicato alla mia prima fan. Stavolta sono io che entro in casa sua per vedere come vive, se ha avuto dei figli e si è fatta una famiglia”

E’ molto bello questo pensiero nei confronti di una sua Fan, spiegabile anche all’inizio in cui le dice di crederci che ora lui si trova proprio in casa sua, volendo anche la fine è molto appropriata, praticamente è come se lui ancora una volta rimpiangesse il fatto di non essersi formato una famiglia, quindi vedendo lei si rende conto che avrebbe voluto vivere una vita come la sua ma  non è mai stato pronto.

Però per quanto mi riguarda il contenuto della canzone mi fa pensare molto ad una storia d’Amore, io non faccio parte di coloro che amano dare una propria interpretazione ai brani, insomma quelli che li adattano alla propria vita, anzi cerco sempre di attenermi alla realtà del testo distaccandomi da esso, questo però mi fa proprio pensare ad una storia d’amore mai nata.

Quindi fermo restando che il vero significato è ovviamente quello dato dal suo Autore io mi limiterò ad esporre qui i pensieri che mi passano per la mente ogni volta che l’ascolto.

Inizialmente mi fa esattamente pensare ad una persona che dopo tanto tempo decide di  andare a trovare la sua amata per vedere che vita conduce, gli fa una sorpresa recandosi  a casa sua creandole stupore e incredulità, ed è come se in quella casa non ci fosse mai stato…infatti le dice che è bello coglierla li nella sua intimità dove  tutto è proprio come si era sempre immaginato.

Ecco la vita che volevo vivere
Ecco il calore che non trovo più
Dimmi per chi sorridi adesso, tenero amore mio?
Per chi.. Per chi?

Come posso pensare ad una fan? La mia mente si rifiuta…in realtà mi fa pensare ad una persona che non ha potuto vivere quell’Amore per un motivo o per l’altro e così nel frattempo l’altra si è rifatta una vita, infatti dice “ecco la vita che volevo vivere” e poi si chiede per chi sorride adesso il suo tenero amore….ossia si domanda chi lo ha sostituito…
Pagherò con le lacrime anch’io
La viltà di non essere pronto..
Quanta furia di avere di più!
Non è vero che c’è sempre tempo..
Vivi tu.. vivi tu.. vivi tu..
Tutto quello che c’è di più bello..

Questo passaggio mi fa proprio pensare a chi non ha avuto il coraggio di vivere quell’Amore e ci soffre ancora, infatti dice che pagherà con le lacrime la viltà di non essere pronto e per questo chiede a lei di vivere anche per lui tutto quello che c’è di più bello….anche se non potrà fare a meno ogni tanto di tornare a trovarla.

Essenzialmente sono questi i miei pensieri ma voglio confidarvi una mia ultima personale interpretazione, ogni tanto ascoltando questo brano ci sono passaggi che mi fanno pensare ad una ipotetica persona che non c’è più, una persona che purtroppo è stata strappata alla vita troppo presto e così come per magia torna per pochi attimi da chi ha lasciato precocemente per vedere che vita conduce e lo prega di Vivere tutto quello che c’è di più bello, tutto ciò che egli non ha potuto vivere, quanta furia di avere di più NON E’ VERO CHE C’E’ SEMPRE TEMPO…. quindi è come se dicesse: Vivi anche per me…

Credo di essere l’unica ad aver pensato una cosa del genere ma le sensazioni che ho ricevuto da questa canzone sono state molteplici e mi sembrava giusto raccontarle tutte….