MUOVITI

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/mQ9hwlXivHI" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

 

Quando ascoltai per la prima volta PRESENTE fui colpita particolarmente da “Muoviti”

L’inizio di questo brano mi trasmette molta serenità sia per la musica che per le parole:

Un cielo blu per fare riposare i miei sensi..
Purificandomi un pò, sono sicuro, rinascerò..
In questo eterno via vai di processioni ed appuntamenti
Io rischierei di non riuscire a trovarti..
Io rischierei di non riconoscerti più..

Viviamo in una società in cui tutto è veloce, un eterna corsa contro il tempo, un fattore questo che è fonte di stress per tutti noi, ed in certi periodi si avverte il forte bisogno di rigenerarsi per riuscire a ritrovare l’energia persa….in quei periodi accade spesso che per perseguire obiettivi e progetti si perdono di vista le cose importanti della vita, anche le persone che a loro volta possono subire cambiamenti con il rischio di non trovarle più, di non riconoscerle più…

Dunque una pausa è necessaria per poi poter tornare a vivere serenamente.

Questo è ciò che penso ogni volta che ascolto l’inizio di questa canzone.

Una poesia, per queste orecchie ormai stanche..
Parole viaggiano ormai senza un passaporto, lo sai..
Beati voi che non provate imbarazzo!
Che avete ormai fra le mani l'immunità!

Questo passaggio invece mi fa pensare al potere politico o semplicemente decisionale di chi è al di sopra di noi, ci si stanca di ascoltare sempre le stesse cose, chi non vorrebbe più fatti e meno parole?

Facile pensare al mondo politico nel passaggio in cui dice:

“Beati voi che non provate imbarazzo che avete ormai nelle mani l’immunità”

Sono molti i politici che dovrebbero vergognarsi, ma il loro potere sta proprio nell’essersi creati l’immunità, a loro tutto è concesso persino gli scandali, in un modo o nell’altro riescono sempre ad uscirne puliti!

Ecco allora che come spesso fa Renato ci esorta a muoverci, scuote le nostre coscienze, sottolineando di farlo in fretta è un po’ come se ci volesse svegliare in qualche modo, ci stanno spiando, siamo costantemente spiati senza accorgercene in ogni minima cosa.

Bisogna far sentire le nostre voci e non accettare passivamente tutto ciò che ci accade intorno, certo è che se tutti si facessero sentire un po’ di più forse questo mondo sarebbe migliore, sono stata sempre del parere che l’unione fa la forza, non bastano pochi elementi a cambiare le cose.

C’è invece un passaggio che mi fa andare oltre con la mente ed è il seguente:

Consiglierei di liberarli quei sentimenti..
Non rischierei di non poterli spendere più!

E’ un po’ come dire non rimandare a domani ciò che potresti fare oggi…

Quello di Renato è un consiglio molto prezioso, troppo spesso si tende ad imprigionare i sentimenti, chi per un motivo chi per un altro a volte preferisce non esternare un sentimento non considerando che poi potrebbe arrivare il giorno in cui può essere troppo tardi per farlo.

E’ molto brutto vivere con il rammarico di non aver fatto in tempo a dichiarare a qualcuno i propri sentimenti.

Ecco che però nei successivi passaggi del brano si ritorna un po’ al concetto iniziale, quello di muoversi in fretta, di agire, di riaccendere la mente e tornare a vivere!

Secondo me vivere non significa semplicemente essere al mondo ma vuol dire non sprecare i nostri giorni, il nostro tempo, in questa breve vita che vola via velocemente bisogna fare qualcosa e non restare inermi a guardare gli avvenimenti che ci scorrono davanti….eppure a chi non è capitato di vivere periodi in cui ci si sente spenti, in cui non si ha voglia di fare nulla avvertendo la sensazione di bruciare i giorni, di sprecare la vita, non pensando che quel giorno è già passato e non tornerà mai più.

“Nulla avrà inizio senza noi”

Tanto bella per quanto vera questa frase!

 Ad inseguire un aquilone siamo in tanti..
Buona fortuna ai volontari e ai principianti..
E' la memoria che ci rende interessanti..
Un caloroso applauso pure per gli assenti..per i vincenti!

L’aquilone significa libertà, poco prima infatti fa riferimento al fatto che non riusciremo più a volare se non c’è l’impegno del singolo individuo.

Sono le esperienze, i ricordi del passato che ci aiutano a migliorarci e il più delle volte ad evitare che vengano commessi gli stessi errori e quindi soltanto passando ai fatti forse un giorno anche noi avremo il potere di cambiare le cose che non vanno.

Il significato di questo brano mi riporta inevitabilmente anche a “L’Incontro”