DA ADESSO

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/1MyTSWrAttc" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

 

Permettimi di rimanere comunque tuo complice…

Non so volare ma un po’ di esperienza ce l’ho…

Non si può sempre combattere in solitudine…

Vedi mi sveglio anch’io nel disordine, questo malessere non lo tollero più…

Renato si rivolge a me, a te, a voi, ad un amico, ad un figlio, ad un parente, insomma a chi ha bisogno di un sostegno morale, spesso quando si attraversano periodi difficili si ha bisogno di qualcuno accanto pronto a sostenerci, a darci consigli.

Inizia dicendo tutto ciò che di più bello avrebbe voluto per quella persona, ognuno di noi vuole sempre il meglio per i propri cari e saremmo disposti a tutto pur di vederli felici ma purtroppo troppo spesso la vita ci riserva brutte sorprese e si resta impotenti di fronte la sofferenza altrui, quasi fino a sentirsi in colpa e quel “perdonami” di Renato la dice lunga su questo argomento, però si può sempre restargli accanto cercando di confortare chi si trova ad attraversare un periodo difficile e questo è un po’ il senso dell’intera canzone.

A chi non è mai capitato di svegliarsi nel disordine provando una forte sensazione di disagio e di malessere, c’è chi però riesce a risollevarsi guardando il lato positivo delle cose e chi invece perde ogni energia per andare avanti.

“Da Adesso” già il titolo fa capire che bisogna agire subito senza perdere tempo, una canzone molto bella piena di incoraggiamento, non si può sempre combattere in solitudine e quindi c’è lui pronto ad offrire il suo aiuto, ti tende la mano chiedendoti di tornare su con lui, reputo molto bello il passaggio in cui dice:

“Tu ed io, io e te, così si può…

Soli mai, Mai più…Dammi la tua mano sali su, da qui vedrai passare i giorni tuoi magari li applaudirai, se non ti confonderai se metti a fuoco i pensieri tuoi, se tutto questo succederà Adesso!”

In questo passaggio penso proprio a qualcuno che si sente giù e non riesce a risalire dal baratro in cui è caduto ecco allora in suo soccorso una persona cara che gli vuole bene e gli tende una mano per risalire su, gli fa ricordare i momenti più belli della sua vita, gli fa scorrere davanti i giorni passati e rivedendoli perché no magari li applaudirà perché soddisfatto di ciò che ha fatto negli anni, tutto questo con il consiglio di mettere a fuoco i propri pensieri senza confondersi mai perché soltanto così si può mantenere la lucidità necessaria per ricominciare.

“Persino il progetto più ardito diventa possibile se c’è la tua firma e sei pronto a lottare fin là…”

Da qui in poi Renato incita a lottare per il raggiungimento dei propri obiettivi, a non buttarsi giù nei momenti di sconforto e a contare solo sulle proprie forze, certo bisognerà fare delle rinunce, dei sacrifici, ma prima o poi il successo arriverà e a quel punto ci dice di non cambiare sorriso, di non dimenticarci del passato e infatti il consiglio è:

Di tanto in tanto guarda giù…”

Tu ed io, io e te è già magia…

In tutto questo lui resta li non si vuole perdere il gran finale, ma ci ricorda che ogni nostro obiettivo deve essere portato avanti con lealtà, rispetto ed onestà, perché la vita è fatta di diritti e doveri ed in tutto questo dobbiamo continuare ad usare il cuore e non solo la ragione.

Stupendo il finale della canzone:

Ma incomincia ad amare te…Da Adesso!

Tutto questo sarà possibile soltanto amando noi stessi, perché troppo spesso nei momenti più complicati ci si dimentica di amarci e se non amiamo prima noi stessi non possiamo amare gli altri ne tanto meno tentare di realizzare i nostri desideri.

Questa canzone ha un testo molto importante da non sottovalutare, grande Renato!