LA PACE SIA CON TE

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/4QAq6IAJP9w" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

 

Amore dopo Amore (1998) è il disco che contiene “La pace sia con te” un brano molto complesso a livello linguistico persino difficile da cantare, canzone dai contenuti misteriosi perché alcuni passaggi sono anche difficili da interpretare, è una struggente poesia piena di immagini perché quando la si ascolta si viene avvolti da sensazioni particolari e da immagini poetiche accompagnate da una musica bellissima e rilassante che da veramente un senso di pace, molti i giochi di voce che Renato usa per interpretarla è sicuramente tra le più complicate di Zero.

 

A volte l’inquietudine prende il sopravvento e neanche noi sappiamo cosa vogliamo dalla vita, i pensieri si affollano nella nostra mente, i desideri si confondono, prima si desidera una cosa subito dopo se ne vuole un’altra, non riuscire a stare fermi un istante…

Quando si attraversano periodi di profonda insoddisfazione dove tutto ci sembra niente ed intorno a noi vediamo solo caos e sentiamo un vuoto interiore si sente il bisogno di un po’ di pace, anche perché in quei momenti non ci sentiamo in pace ne con noi stessi ne con il mondo.

Quando si avvertono queste strane sensazioni la prima cosa che ci viene in mente è quella di fuggire lontano…quante volte avrete detto o vi sarà capitato di sentire dire: vorrei andare su un isola deserta…ecco questo è un po’ il senso di questo brano.

Canzone che appare come una condanna alla società, qualcuno che dentro si sente di poter dare tanto ma si rende conto che gli altri sono solo interessati a cose futili esempio ne è l’avanspettacolo e la cronaca rosa e questo punto potrebbe proprio rispecchiare Renato stesso visto che fa parte del mondo dello spettacolo.

Nulla a cui spartire con vite mediocri e meschine…sentirsi circondati da nemici, tra l’altro molto forte l’affermazione che se uno deve per forza emigrare allora è meglio scegliere un altro sistema solare, sembra proprio un rifiuto per questo mondo.

Eppure nonostante questa visione pessimistica del mondo e dei suoi abitanti resta comunque un idea positiva dell’amore, eh si credere nonostante tutto ancora in questo sentimento l’unico forse che resta incontaminato.

C’è chi per combattere il senso di insoddisfazione si rifugia nella finzione, nel sesso, nei videogame, nel web, insomma dentro qualcosa di irreale una specie di sublimazione che però nonostante tutto non colma quel senso di vuoto perché sono soltanto cose passeggere.

Se provate a leggere con attenzione questo testo vi renderete conto che trasmette proprio disperazione, inquietudine, vedo come un immagine di una persona che si sente fuori posto nell’universo e riesco quasi a percepirne i tormenti dell’anima…qualcuno che ha bisogno di serenità.

Eppure ha una musica bellissima ed estremamente rilassante che trasmette proprio un senso di pace!

Il ritornello è molto particolare praticamente tratto dalla Santa Messa:

“La pace sia con te e con il tuo spirito”

Ritengo fondamentale sentirsi in pace con se stessi, anche perché soltanto se si è in pace con se stessi si può esserlo anche con gli altri.