CI TIRA LA VITA

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/MDP4fzqGSYw" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Ancora un brano estratto da Via Tagliamento: Ci tira la vita.

Bellissimo testo e bellissima musica, lo ritengo un sound molto avanti per quei tempi ed ancora attualissimo.

La vita chiama e non bisogna sprecarla ecco l’appello anzi uno de tanti appelli che Renato fa ai giovani per tenerli lontano dalla droga.

Il brano comincia con una sirena che squarcia la notte, eh già subito si pensa a cose brutte, sentendo una sirena pensiamo ad un incidente, ad un malato, ad un brutto evento, a qualcosa che sa di morte…

Ha ragione Renato dicendo che quando amiamo pensiamo sempre al peggio, si è apprensivi, si teme per la vita di coloro a cui vogliamo bene, abbiamo sempre paura che possa accadergli qualcosa di brutto.

E allora il pensiero di Renato va a qualcuno…ad un amico, ad un parente, ad un ragazzo che da via la vita per una dose, li in quel bar tra un biliardino e brutte compagnie.

Il consiglio è quello di non dare via la vita così dove la colpa è sempre tua, tua perché ti droghi, perché hai scelto di drogarti e se muori poi non fa neanche più notizia perché la gente prima o poi se lo aspetta.

Zero ha scritto molti brani contro la droga ricordiamo fra i tanti “La tua idea”, “L’altra bianca”, “Pericolosamente amici” e più volte ha dichiarato di aver perso molti amici a causa della droga.

Lui è riuscito a restarne fuori ma proprio in questa canzone ricorda come l’abbia vissuta da vicino, infatti dice che è li che ha avuto anche lui la parte sua, ma è stato fortunato perché è riuscito a non cadere nella trappola…morto o infognato li!

Racconta come anche lui ha dovuto affrontare le difficoltà, come anche lui stava naufragando quando vedeva il nulla avanti a se ma aveva un solo pensiero nella testa quello di vivere, di superare le difficoltà giungendoci con le proprie forze è stata dura ma ce l’ha fatta, perché

di vita ce n'è solo una e la bottiglia non si getta mai piena…

E allora avvisa che sarà dura arrivare fin dove è arrivato lui perché si può naufragare e avere il nulla avanti a se e sarà molto difficile uscire da quel tunnel ma ci si può riuscire perché o salvi o infognati li!

E come sempre da buon amico lui sarà li ad aspettare…

E’ importante avere qualcuno che ci dia sostegno nei momenti di difficoltà, qualcuno che sta li a consigliarci e ad aspettarci ed è così che Renato rivolge un pensiero a tanti suoi vecchi amici e a tutti quei ragazzi che non riescono a superare periodi depressivi o difficoltà della vita e che quindi sono attratti da questo veleno, non rendendosi neanche conto che poi ne diventeranno dipendenti e che le droghe equivalgono alla morte.

Molti giovani credono che assumendo droghe possono curare i loro stati d’animo negativi, peccato che non si rendano mai conto che una volta provate entrano in un vortice dal quale poi è difficilissimo uscire, ecco allora un messaggio di speranza da parte di Renato ossia che se ne può uscire e invita i ragazzi a starne lontani!