RENATO PRESENTERA’ IL DVD SEI ZERO AL CINEMA!

dvd-seizero2

Renato Zero il 10 Maggio sarà in diretta via satellite nei cinema italiani per presentare ai suoi sorcini il Triplo Dvd del Sei Zero ossia gli 8 concerti che si sono tenuti a Piazza di Siena (Roma) per festeggiare i suoi 60 anni nei mesi di Settembre e Ottobre.

Saranno 10 cinema di 10 citta’ italiane: Roma, Milano, Torino, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Napoli, Bari e Catania.

L’ingresso è gratuito, si entrerà tramite un pass che si può ottenere in due diversi siti, vi darò poi ulteriori dettagli.

Ricordiamo che oltre ai Dvd nel cofanetto ci sarà anche un diario, Diario di uno Zerofolle, di circa 200 pagine che conterrà ricordi di un intera carriera, una lettera scritta da Renato stesso, 15 cartoline fotografiche, commenti, foto inedite e molto probabilmente contributi scritti dei suoi fan.

Perciò tutti al cinema  10 Maggio!

IL 10 MAGGIO USCIRA’ IL TRIPLO DVD DEL SEI ZERO!

 

dvd-seizero1

 

Lo avevo già anticipato nei commenti un po’ di tempo fa, ma ora finalmente posso pubblicare il Post perché la notizia è stata resa ufficiale!
Il 10 Maggio 2011 uscirà il triplo Dvd Live del Sei Zero!

I Dvd conterranno tutte le canzoni che Renato ha cantato negli 8 Concerti a Roma per il suo sessantesimo compleanno, compreso il brano inedito “La mia generazione” e “Letti”

Oltre ai Dvd nel cofanetto ci sarà anche una sorpresa ossia un diario ( Diario di uno Zerofolle) di circa 200 pagine che ripercorre la sua carriera, nel quale ci sarà una lettera di Renato, 15 cartoline fotografiche e dovrebbero essere contenuti anche dei contributi del suo pubblico e quindi dei suoi Zerofolli!

 

 

 

 

LA FREGATA

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/BSQZZnGjJwM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

La fregata è un uccello lungo dagli 89 ai 114 cm e con un peso che oscilla tra i 625 e 1640 g
Titolo straordinariamente ironico e provocatorio per una canzone in cui Renato parlando in prima persona si racconta come un marinaio della marina militare amante del suo stesso sesso, che quasi mi fa venire in mente un trans visto che si fa chiamare Marilena, Silvana o Sofia e che quando c’è l’alzabandiera è pure fiera di se!!

Tutto l’equipaggio approfitta delle sue prestazioni…

Video ben interpretato in cui un Renato truccatissimo e vestito da marinaio interpreta il brano.

E’ una canzone che può essere esplicita anche senza l’accompagno di un Post, voi cosa ne pensate?

 

 

ZEROPENSIERI

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/EAvcIrcbpms" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Come Renato stesso dice nell’intervista la sua ambiguità ci ha dato la possibilità a tutti di discutere, ma credo anche che sull’ambiguità egli ha giocato molto e gli ha consentito di arrivare al successo perlomeno quello degli esordi.

Ambiguità e sincerità diventano una favola, io credo che sia vero che in fondo in ognuno di noi ci sia un lato ambiguo.

Renato sarcasticamente dice che dall’uomo ha imparato le guerre, le epidemie, il razzismo, la carestia, le violenze…eh già perché è l’uomo stesso ad aver rovinato un mondo che sarebbe potuto essere bellissimo e vivibile per tutti ed invece è pieno di odio e di violenza.

L’uomo moderno invece lo vede con la 24 ore, poco cambia secondo me dal passato perché in fondo l’uomo è stato sempre attratto dal potere e quindi usa ogni mezzo a sua disposizione per raggiungerlo, a volte da più soddisfazione avere il potere piuttosto che il denaro anche se le due cose poi alla fine coincidono.

Agli occhi di Renato invece la donna sta lontana anni luce dall’uomo, direttamente su un’altra galassia.

Anche secondo me ci sono profonde differenze tra l’uomo e la donna anche perché sono gli esseri di sesso maschile che maggiormente hanno reso questo mondo un inferno, che hanno governato nazioni, hanno scatenato guerre terribili, e compiono atroci atti di violenza.

Forse la donna è un po’ cambiata rispetto a quelle del passato perché ad oggi ci sono anche molte donne che sono attratte dal successo, dai soldi facili e dal potere.

Oltre a commentare le risposte di Renato, invito anche voi a rispondere alle stesse domande.

 

NAVIGARE

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/GSvwalXYzUw" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

 

Una bellissima metafora della vita: Navigare!

Una canzone basata su tutte metafore, la vita paragonata al mare e noi stessi che la viviamo al timone della nostra barca.

Navigare finché al timone ci sei tu!!

Tornare a combattere le intemperie della vita con la propria barca, tutto questo con le incertezze che inevitabilmente accompagnano il nostro cammino.

Il nome della barca è “Speranza” quindi cominciare il viaggio della vita con la speranza di realizzarsi nel modo migliore, senza paura e proseguire nonostante le tempeste, restare al timone sempre per poter cambiare rotta e scegliere il nostro destino, non dimenticare nemmeno il primo amore quel segno sul cuore che come un tatuaggio il tempo non potrà sbiadire.

Navigare e cambiare direzione ogni volta finché ci sarà vita!

Fino a spiccare il volo dimenticando persino la nostra età finché la forza ci sarà, ed accogliere gli imprevisti con curiosità e con il rischio che essi comportano ma affrontarli senza paura!

Renato generosamente contrabbanderebbe i suoi sogni proibiti con chi vuol sognare!

Vedi il mondo più pulito se scopri questo senso d’infinito in te!

Navigare senza nostalgia del passato ma con uno sguardo azzurro negli occhi per il futuro!

Vi invito a guardare il video che ho scelto perché c’è una bellissima introduzione di vita dello stesso Renato…

E voi a cosa paragonereste la vostra vita?