MEGLIO PER TE

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/aAbCVQJGDYk" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Dal disco Via Tagliamento estrapoliamo questa settimana “Meglio per te” un brano in cui Renato ci mette in guardia non solo dalle insidie della vita ma soprattutto dalle persone!

Una delle rare canzoni di diffidenza nei confronti del prossimo.

Meglio stare svegli e tenere gli occhi ben aperti per non distrarci mai dai bersagli, perche altrimenti non ci si accorge che già c’è pronto qualcuno ad impedirci di raggiungere i nostri obiettivi!

Lasciare aperta la porta è uno sbaglio…ma quale porta?

Non si riferisce certamente alla porta di casa ma probabilmente a quella del nostro cuore!

Il passaggio che preferisco in assoluto di questa canzone è:

“Amati un po’ di più è un consiglio”

Eh già troppo spesso ci dimentichiamo di amare prima noi stessi e poi magari gli altri ed è proprio così facendo che perdiamo di vista i nostri obiettivi…inoltre è solo amando prima noi stessi che possiamo poi non solo amare gli altri ma vivere una vita molto più serena ed appagata.

L’amore per noi stessi deve essere una priorità!

Credo che il seguente passaggio sia dettato da esperienze sue personali:

“Vai ma sta attento che c’è fra le coperte chi a stanarti verrà per sputtanarti”

Renato troppo spesso è stato tradito e sputtanato da persone a cui aveva dato piena fiducia, da coloro a cui aprì la porta di casa sua e anche da persone a cui permise di avvicinarsi a lui…

Sicuramente il testo è stato scritto in un momento di delusione nei confronti della gente, nessuno è pronto ad un gesto umano ma casomai solo veleno!

Interessante la metafora dell’arancia che ha tanti spicchi ma non bastano i nostri occhi in mezzo a tante cose per fare la scelta più giusta, forse sempre troppo distratti ed affascinati da tante persone e dalle apparenze della vita non riusciamo poi a vedere cosa è meglio per noi.

Anche riguardo all’amore viene fuori il lato più diffidente, fare attenzione a quelle persone che stanno con noi solo per interesse…e se avrà dignità chi d’amore ti parlerà e non ti presenterà poi il conto!

La canzone si conclude in modo molto duro mettendo in risalto la parte peggiori dei rapporti umani ossia bugie, tradimenti, chi ti pugnala alle spalle…

Il consiglio di Renato è quello di non fermarci perché il meglio è sempre più in là!

Guardandoci allo specchio ed anche guardando gli altri dobbiamo riuscire a vedere oltre le apparenze.

Ma in generale è possibile nella vita non fermarsi mai?

Continuare a cercare senza sosta?

Io credo di no, è un po’ come chi raggiunge un obiettivo e una volta raggiunto perde interesse e si lancia in una nuova sfida….

Significherebbe non vivere più e non trovare mai la nostra dimensione.

Vi consiglio di guardare questo bellissimo video d’annata tratto da Fantastico 3 era il 1982...

SCIOPERO

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/vyFmm3r9Zqs" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Sciopero è un brano molto importante di Zero forse tra i testi più particolari ed anticonformisti che abbia mai scritto e ad oggi attuale più che mai!

Bello anche musicalmente, ma tutto Voyeur è musicalmente eccellente!

In questa canzone invita le persone a ribellarsi ai meccanismi della nostra società, la parola stessa “sciopero” di per se da già l’idea dell’astensione, della ribellione, della contestazione!

“Dormirò la mia mente si è esaurita dormirò perché spendere la mia genialità se ogni giorno è uguale a un altro e il sesso mio non va”

Descrive una vita, un mondo noioso e scontato che ti toglie lo stimolo di fare le cose…una vita in cui un giorno è uguale ad un altro per cui diventa tutto inutile.

“Sciopero delle pillole e di tutti i profilattici fra non molto a chi serviranno quei giocattoli, bambini di 80 anni tu vedrai”

Segnale di una società che invecchia senza nessun cambiamento.

Il passaggio che mi ha sempre colpito di più è quello in cui dice:

Mentre il corpo esulta l’anima dov’è e chissà se un’altra vita poi davvero c’è…quindi come se fossimo dei robot che agiscono, vivono e si divertono senza però più provare emozioni eppure di vita ce ne è una sola e bisognerebbe viverla intensamente!

Vittime del consumismo e del potere, dove tutti si sentono Dio, dove le nostre speranze vengono violentate e troppi assassini sono ancora in libertà, una chiara metafora contro coloro che uccidono le nostre speranze senza pagare mai il male fatto.

Spiati continuamente dai satelliti tra l’altro menzionati già in altre canzoni, Renato dice chiaramente che dovrà difendersi altrimenti lui non sarà più lui, altro riferimento all’omologazione, facciamo tutti le stesse cose, desideriamo le stesse cose, viviamo in un mondo scontato ed appiattito conteso dalle grandi potenze.

Un destino arbitrato e giocato come fosse un campionato...rifiuto chi passa la palla e chi si crede in A e poi muore in serie C

Metafora geniale di questa vita, paragonata ad un campionato dove spesso chi si sente tanto forte poi non raggiunge nemmeno le mete prefisse.

Come sempre sarà l’amore a salvarci!

Il testo è un po’ complicato ma da molti spunti per parlare della vita!

AMANDO AMANDO

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/u42BMxoNKC4" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

L’Amore il motore del mondo, l’amore universale cantato da Renato:

Amando Amando la particolarità di questo brano è che sembra quasi contraddittorio come se avesse due visioni dell’amore completamente diverse, inizialmente sfiducia totale nei confronti di questo sentimento e invece nella parte finale la voglia di viverlo per ritrovare se stesso!

L’amore che non ha limiti, ne età, ne razza, ne confini….l’amore che porta tante rinunce e poche certezze, eh già perche anche l’amore può finire non è eterno e troppo spesso ad alcuni comporta anche rinunce che secondo me non dovrebbero proprio esistere!

Canzone autobiografica di un Renato che ci spiega che è cresciuto amando a modo suo e che le esperienze della vita lo hanno fatto diventare molto più prudente e meno incosciente!

Spesso l’amore si scopre in età adolescenziale e lo si vive con leggerezza, con imprudenza e tanta incoscienza perche ancora non si è consapevoli del fatto che anche l’amore può fare del male e soprattutto far soffrire, soltanto crescendo ce ne rendiamo conto e così lo si vive in maniera molto più prudente.

L’amore forse l’unico sentimento di cui l’essere umano non può fare a meno, inutile scacciarlo dai nostri pensieri perche prima o poi ritornerà sotto altre forme…altrettanto inutile dire che non ci innamoreremo mai più perche il cuore non va a comando e se deve accadere accade e basta, indipendentemente dalla nostra volontà.

Ci si nasce con la predisposizione ad amare…questo è ciò che ci dice Renato invitandoci oltre a fare attenzione nel cambiare quel letto….secondo me un chiaro riferimento all’Aids

Nella seconda parte della canzone si nota una visione dell’amore da parte di Renato piuttosto negativa, l’amore ti spacca il cuore, non ti fa vivere tranquillo, ci si sente in trappola e si finisce con il non appartenersi più…una specie di dipendenza affettiva ed è proprio in quella che si cade se non si stabiliscono dei limiti fra noi e il nostro partner, credo sia giusto che ognuno continui a coltivare le proprie passioni, i propri interessi, a ritagliarsi i propri spazi e non vivere in simbiosi altrimenti si finisce veramente con il non appartenerci più!

E poi di nuovo un Renato più positivo nei confronti di questo sentimento, un uomo che amando ha imparato la lealtà, ha imparato a non prevaricare, consapevole di possibili tradimenti mette in conto tutti i rischi e decide di provare ad amare perche no…

L’amore che salva l’uomo dai loschi disegni, dalla voglia di potere….solo l’amore può restituirgli la dignità persa!

L’amore è in una coppia, ma anche verso ogni cosa che facciamo… è un sentimento che possiamo attribuire a moltissime cose o situazioni!

Come possiamo notare dal video estratto dal Tour “Tutto Zero” Renato interpretò questo brano vestito da gondoliere in una barca remando con molta calma quasi come a sottolineare che l’amore attraversa tutta la nostra vita.

ZERO!

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/PL3A8FGqTdw" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

In attesa delle date del Tour Europeo di Renato ho pensato di farvi ascoltare questo mix del Sei Zero per ripercorrere insieme quei concerti, le canzoni contenute in questo mix e tanto altro ancora sul nostro grande Artista!

Perciò potete commentare liberamente questi estratti del Sei Zero più qualsiasi episodio o pensiero che riguardi Renato stesso!

E’ un Post nel quale avete l’occasione di parlare di Renato a 360 gradi!