IL PRINCIPE DELL’ECCENTRICITA’

[kml_flashembed movie="https://www.youtube.com/v/9f4jNNvWA_M" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Questa settimana estrapoliamo da AMO CAP II  “Il principe dell’eccentricità”

Perche questa scelta?

Perche mi sembra la canzone migliore da commentare a seguito del Tour e che ha rappresentato un momento cruciale dei concerti ossia quello in cui Renato scendeva tra il pubblico e sceglieva una persona da far salire con lui sul palco per concludere il brano…scelta non casuale perche questa canzone è dedicata proprio ad ognuno di noi…al suo pubblico!

Altro brano autobiografico che racconta le emozioni e i pensieri di Renato nei confronti dei suoi fan con i quali si rapporta in ogni concerto, con i quali incrocia ogni volta il suo sguardo…

L’Artista esprime il desiderio di conoscere profondamente ogni suo spettatore, cosa ovviamente impossibile da attuare ma il suo sogno a fine concerto una volta che il sipario è calato e le luci si sono spente sarebbe proprio quello di sedersi accanto ad uno dei suoi fan per parlare…

Il brano esprime benissimo la voglia di instaurare un dialogo con il suo pubblico così da poterne conoscere desideri, aspirazioni, pensieri…fino a mettere in discussione persino se stesso domandando:

Sei proprio sicuro che cercavi me..o fu soltanto una fatalità..un modo di evadere?

Bellissimo il passaggio in cui dice che negli occhi dei suoi fan rivede il suo passato, i sogni di gioventù vissuti in periferia, ragazzi che non sono mai stati compresi tra i quali c’era anche lui che come ben sappiamo però  ha sempre avuto una grande fede e fin da giovane dialogava con Dio, a lui chiedeva di essere capito, di poter raggiungere il successo….dialoghi che lui definisce “inutili” e che invece poi sono stati ascoltati perché oggi il suo Dio è li presente ai concerti:

“Mi chiede un bis…gli dico Si…”

La canzone si conclude esattamente con ciò che abbiamo visto durante i concerti…invita una persona del suo pubblico a salire sul palco per prendere il suo posto per poi poterlo abbracciare ed applaudire…

Applauso che Renato ci regala per la grande costanza e dedizione con cui lo abbiamo sempre seguito e per tutto l’amore che gli abbiamo dimostrato!

Curioso il fatto che Renato scrisse questo passaggio finale proprio in funzione di un concerto…

Quindi è questo il desiderio di Renato, conoscerci uno ad uno, poter parlare con ognuno di noi e devo dire che spesso lo fa ma pur volendo non può farlo con tutti è una cosa irrealizzabile….perché si sa che ha dei limiti il successo….