FUORI GIOCO

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/rHmc4wS6GkE" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Bombe carta, coltelli, pistole, pestaggi, poliziotti aggrediti, cori razzisti,  Capi Ultras che danno l’ok per far cominciare le partite, giocatori che troppo spesso devono andare a trattare con i capi delle tifoserie, inno nazionale fischiato, feriti….a volte morti….è questo che accade oggi dentro e appena fuori degli stadi e non solo per la finale di Coppa Italia di Sabato sera che sembrava quasi una guerra ma anche durante tante altre partite!

E’ questo il nostro calcio….tifosi troppo spesso teppisti che rovinano quella che per molti è una vera e propria passione, si ribellano, protestano, si movimentano ma poi per cosa?

Se facessero tutto questo per la politica e per le ingiustizie che l’Italia subisce costantemente da chi ci governa staremmo sicuramente un passo avanti!

E invece no si scaldano tanto per una partita….poi ci domandiamo perche il nostro paese è ridotto così male!!

Certo come dice Renato in questa canzone si potrebbe spendere altrove tanta energia…magari per cose giuste, per far valere i nostri diritti e per mandare a casa tanti politici furbacchioni e ladroni!

Renato con questa canzone avrebbe tanto da insegnare negli stadi….

In tutti questi anni le cose non sono mai cambiate…anzi sono peggiorate…la gente va a sfogare allo stadio la propria rabbia, le proprie insoddisfazioni…usa il pretesto di una partita per dar sfogo a tutto il razzismo nei confronti dei propri connazionali!!!

Inneggiare a terremoti, a vulcani che dovrebbero lavare col fuoco gente innocente, fare cori razzisti e cose simili non dimostra soltanto cattiveria inaudita, insensibilità, mostruosità ma anche tanta tanta stupidità!

Ma dove sono finiti gli sfottò di un tempo?

Quelli simpatici tra tifoserie avversarie, quelli del mattino dopo di quando si scendeva al bar e ci si prendeva in giro davanti ad un cornetto ed un cappuccino?

I tempi di mio padre…di quando andava allo stadio lui…di quando non dovevi aver paura di portare il tuo bambino a vedere una partita…di quando c’era ancora si competizione ma anche fratellanza…

Ma cosa insegnano ai loro figli?

E’ così che si ama la propria squadra?

E’ giusto minacciare e terrorizzare i giocatori?

E’ questa l’Italia?

Poi magari adesso per i mondiali faranno tutti i nazionalisti!!!

Ipocriti come sempre del resto!

Comunque non mi è mai piaciuto generalizzare perche so perfettamente che esistono ancora tifosi onesti, brava gente che si reca alle partite ed anche nelle stesse curve ci sono bravi ragazzi…peccato però che vengano rovinati anche loro da tutto questo schifo, spesso per colpa di qualcuno pagano tutti come ad esempio quando vengono chiuse le curve…

Dubito che le cose miglioreranno…c’è troppa rabbia e troppa cattiveria oramai…

Ma sarebbe bello se il calcio tornasse ad essere lo sport di un tempo, che potesse di nuovo dare l’esempio, che potesse essere restituito alle famiglie per bene!

Ma purtroppo è sempre la ragione e lo Stato a perdere!

Vorrei che tutti riascoltassero questa canzone di Renato ed in particolar modo i tifosi….Chissà che non li porti un po’ a riflettere.