STALKER

Forse non tutti sanno che le mie canzoni preferite le lascio sempre per ultime…un po’ come la classica ciliegina sulla torta….l’ho sempre fatto…i Post riguardanti i miei brani preferiti li conservo un po’ come fossero reliquie…spesso mi sono domandata il motivo di queste mie scelte e alla fine mi son sempre risposta che la spiegazione sta nel fatto che mi sembra sempre di non riuscire a dare il giusto valore ai miei brani del cuore…quasi come se le sensazioni dentro di me siano così tali e forti da non riuscire ad esprimerle…

E allora mi dico “Ma perché sprecare ora questa canzone? Aspetta ancora un po’…” e questo è stato anche il caso di “STALKER” brano contenuto in “Zerovskij” che amo follemente sia per il testo che per la musica.

Ho sentito spesso dire “Ma a chi avrà dedicato Renato questa canzone?”

Sicuramente ha un testo che appare decisamente autobiografico….ma gli stalker sono ovunque, c’è chi stalkerizza una moglie, un marito, una fidanzata/o, un collega, un ex amica/o ecc. ecc.  insomma i casi sono tanti e vari.

Per quanto riguarda Renato Zero la mia prima sensazione fu che lui l’avesse dedicata ad un certo tipo di fan…purtroppo tra il pubblico di Renato ci sono troppe persone che invadono la sua privacy, che vanno sotto casa sua, che raccontano cose della sua vita privata a volte vere..a volte false…e sappiamo bene quanto a lui stia a cuore la sua privacy…la sua libertà…non ama essere seguito e spiato ovunque…e a tal proposito ha scritto anche altre canzoni.

Ma potrebbe riferirsi anche ai giornali di Gossip che ficcano il naso nella vita privata dei personaggi famosi…o magari a qualche suo conoscente o ex amico?

Chi può dirlo con certezza!

Fatto sta che in questo brano ci sono grandi verità….situazioni che ognuno di noi può ritrovarsi a vivere con chiunque! Il pensiero di Renato è da sempre anche il mio…ossia la verità prima di tutto sempre e comunque anche se a volte può ferire o allontanare… ma è meglio la verità rispetto ad una bella bugia….e sicuramente meglio un secco no che la pietà!

Spesso mi sono ritrovata a dover dire ciò che pensavo perché purtroppo (o per fortuna) io non riesco proprio a mentire…alle mie stesse amiche ho sempre detto la verità in faccia a costo di ferirle.. ma secondo me quando si vuol bene ad una persona si dice sempre ciò che si pensa…perche dire cose che non pensiamo tanto per farle piacere?

No, sono decisamente contraria perché non farebbe bene ne a noi ne tantomeno ai diretti interessati!

Il mio passaggio preferito è:

“È sempre li la verità al centro esatto tra mistero e ipocrisia…
Comunque sia non sfuggirai lo specchio ti conosce molto bene lui…”

Concetto affascinante per quanto vero!!!

In effetti la verità è sempre un mistero…perché non è detto che il nostro interlocutore ci stia dicendo la verità….magari in quel momento è soltanto un ipocrisia chi può dirlo???

Ed ecco quindi che la verità assoluta nessuno a volte la sa….perché appunto sta esattamente al centro tra il mistero e l’ipocrisia!

“Sincerità davanti e poi dietro le spalle tu dimostri ciò che sei” sono assolutamente certa che ognuno di noi nella propria vita abbia incontrato persone che davanti ci dicevano una cosa e poi alle nostre spalle parlavano male di noi…il classico buon viso a cattivo gioco!

Ma poi lo specchio ci conosce bene tutti…ognuno di noi sa di essere quel che è….si può mentire a tutti tranne che a se stessi!

Ed ora analizziamo la parte più autobiografica del brano:

“Posso avere un po’ di pace intorno a me? Da una vita che mi osservi…Puoi spogliarmi, tanto ciò che troverai sono gli slanci che tu non potrai provare…Forti emozioni e tante sane libertà… se non hai fegato potresti farti male…Dove vai? Resta lì. ..Non muoverti …”

Bellissima strofa sia per la musica che per le parole….Renato sfida i suoi stalker….persone che da una vita cercano di sapere tutto di lui, della sua intimità, dei suoi gusti…persone che invece di pensare a vivere la propria vita fanno da spettatori pettegoli a quella degli altri….ma lui il nostro Renato vanta il suo essere unico e speciale, la sua libertà di essere e di vivere….i suoi slanci…le sue passioni…le sue forti emozioni…tutte cose che gli stalker non potranno mai provare perché vivono inseguendo le vite altrui!

Da brividi quando pronuncia nel DISCO quel: “Non muoverti”….

In conclusione queste persone non vivranno mai pienamente le loro vite, non saranno felici e non ameranno mai.. perché in fondo non amano neanche se stessi.

“STALKER”

La verità

Ci ferirà
Ci umilierà e forse ci allontanerà
Ma non si può mentire più
Talvolta è meglio un altro no che la pietà
È sempre li la verità
Al centro esatto tra mistero e ipocrisia
Comunque sia non sfuggirai
Lo specchio ti conosce molto bene lui..
La verità
Qualunque sia
Con il sospetto salutiamo l’armonia
Che gioco è non è per me
Chi può giurare chi è colpevole e perché?
Sincerità davanti e poi dietro le spalle tu dimostri ciò che sei
Sei stato mai felice tu?
Posso avere un po’ di pace intorno a me?
Da una vita che mi osservi…
Puoi spogliarmi, tanto ciò che troverai sono gli slanci che tu non potrai provare
Forti emozioni e tante sane libertà
Se non hai fegato potresti farti male
Dove vai?
Resta lì
Non muoverti…
Sono così
Sono così
Non posso farci niente io sono così
Che cosa vuoi con gli anni miei ascolto solo la coscienza, tu lo sai..
Impazzirei se fossi te tutta una vita ad inseguire storie altrui
Peccato che non amerai..che per amare occorre un cuore che non hai
Puoi incontrare i sentimenti se lo vuoi basta che non li spaventi..
Che c’è tanto di quel mondo da scoprire intorno a te
Se con questi passeggeri ti confronti
Quanto vuoto dentro tu ti troverai
Né passioni né altre splendide visioni…
Chi sei?
Se lo sai,
Non ti ami più..
Chi sei?
Se lo sai,
Non ti ami più..