TUTTI A CASA

In un momento delicato come quello che il nostro paese sta vivendo il Renato Zero Blog non può esimersi dal parlare di questo argomento, come sappiamo ora le restrizioni sono per tutta l’Italia e sono state prolungate nel tempo le varie chiusure. Come video ho scelto questo perche mi sembra il piu chiaro di tutti per far capire alle persone che devono starsene a casa visto che recentemente in molti hanno preso la chiusura delle scuole e la sospensione dal lavoro come una vacanza….No non siamo in vacanza e non è il momento della ricreazione bensì della responsabilità personale e del senso civico…perciò siete pregati di restare chiusi in casa con i vostri figli! Dato che il R.Z. Blog è popolato da persone che vivono in città differenti ad ognuna è affidato il diritto di cronaca, cosi potremo capire meglio e realmente come si evolverà la situazione nelle varie parti d’Italia.

266 pensieri riguardo “TUTTI A CASA”

    1. Ah si? pensa te……sti numeri fanno paura, noi poi siamo molto meno di voi come abitanti…cioe Torino e molto più piccola di Roma eh…..
      Leggevo poco fa una intervista di Conte il quale diceva che appunto queste settimane sono le piu’ rischiose..che non abbiamo ancora raggiunto il picco e dunque ci vuole la massima precauzione e non si puo abbassare la guardia…
      Dalle serie il peggio deve ancora venire…almeno io ci leggo questo e gia stiamo messi cosi ossia male….

      Piace a 3 people

  1. Buongiorno blog 🇮🇪

    Passo per un saluto a tutte, prima di sbrigare alcune faccende.
    Sono giorni duri e difficili non tanto per me ed i miei cari in quanto per fortuna stiamo bene, ma per tutto ciò che ci circonda.
    A me ciò che fa più effetto sono le testimonianze dei medici…vedere i loro occhi a tratti smarriti nonostante siano sempre a contatto con la sofferenza.
    Ancora una volta dico che mai avrei immaginato un momento così….
    Preghiamo appunto che il Sud sia risparmiato altrimenti non so…
    Avete visto il nostro Papa camminare per le strade di Roma per andare a pregare nella basilica di Santa Maria Maggiore davanti al crocifisso che nel 500 salvò la città dalla peste ❤

    Baci 😘

    Piace a 4 people

  2. Buongiorno a tutti e buon inizio settimana 🙄
    ho appena recuperato i commenti di ieri e quindi come prima cosa saluto il nostro Mic e lo ringrazio di essere passato a salutarci e a raccontarci la situazione dalle sue parti. Forza Mic, anche quelli che devono continuare a lavorare alla fine stanno fornendo un grosso contributo alla nazione perché non si fermi e collassi completamente. Penso a tutti i servizi di spedizione e consegna, alle poste, alle banche, ai vari uffici locali, ai commessi dei supermercati e ai titolari di negozi alimentari, ai farmacisti, agli addetti delle imprese di pompe funebri… e così via.
    E anche questo ci insegna a capire quanto sia importante e fondamentale ogni singolo lavoratore per quello che fa. Da una parte impareremo a rispettare di più ogni singola persona che lavora indipendentemente dalla mansione che ha e del settore in cui opera (e parlo dei datori di lavoro ma anche di ogni singolo cittadino) e dall’altra mi auguro che gli stessi lavoratori abbiano acquisito una coscienza civile maggiore, della portata e del valore dei propri doveri, della responsabilità che si ha nello svolgere il proprio dovere. Moltissimi già ce l’hanno eh ma alcune categorie 🙄 un pochino meno 🙄 …politici compresi!!!
    Insomma abbiamo l’occasione di rivedere certe dinamiche e riscriverle nel segno del progresso umano e civile che a mio avviso è stato troppo spesso poco considerato dando precedenza al progresso industriale e tecnologico e agli interessi personali.
    Intanto un abbraccio a tutte… mo torno 🙂

    Piace a 3 people

  3. Volevo rispondere a Vale che ho letto molto in ansia e preoccupata .
    Vale ti capisco ma reagisci cara, reagisci perché tu soprattutto non puoi permetterti di fati trascinare nell’angoscia anche da quanto sta accadendo. Concentrati a pensare che noi tutte al momento abbiamo la fortuna di poter stare in casa al sicuro mentre altri devono stare in prima linea. Il nostro pensiero va a loro e a tutte le persone malate ma dobbiamo guardare le cose con ottimismo e speranza. Questo deve portarci a credere che stavolta quello che NON facciamo, la nostra immobilità, è la cosa migliore da fare per aiutare il prossimo. Se diventa difficile metabolizzare le brutte notizie continue allora il mio consiglio è di ridurre le ore di tv accesa su tg e programmi che parlano solo di questo e dedicarsi ad attività rilassanti e svaganti.
    Non si può reggere altrimenti. Nessuno può reggere.
    Un bombardamento mediatico continuo di notizie così tremende alla fine scalfisce anche i più forti credetemi. Preservate la vostra salute psicologica con le cose belle.
    Promuovete gli incontri virtuali tra amici via skype ad esempio 😀
    A voce è più facile farsi 2 risate sapete?
    Noi lo abbiamo sperimentato e funziona.

    Piace a 3 people

    1. Infatti Lauretta bisogna vedere meno tv…..giusto i tg per essere informati di cio che accade intorno a noi e poi basta…..io faccio cosi altrimenti più cose senti e più si va in confusione e più vai in ansia!!
      Certi talk show sono addirittura controproducenti secondo me…..
      Io sto facendo diverse videochiamate con amici che ovvio non posso vedere e dunque almeno cosi se famo due risate…..

      Piace a 2 people

I commenti sono chiusi.