Tutti gli articoli di Debby (Admin)

QUALE E’ STATO IL VOSTRO COSTUME PREFERITO DI RENATO?

Come ben sappiamo una parte fondamentale della carriera di Renato Zero sono stati trucchi e costumi di scena, costumi che agli inizi addirittura si cuciva da solo, lui è stato sempre un personaggio poliedrico e ci ha abituato a tante immagini di se, a tanti abiti che spesso servivano proprio a rappresentare la canzone che stava interpretando….i suoi costumi son talmente tanti che ci ha fatto addirittura una mostra ed hanno un valore inestimabile, per questo sono custoditi in un magazzino segreto.

La domanda che vi faccio è quale: è stato il vostro costume di scena preferito e perche? Ognuno di voi dovrà inserire anche un Link della foto dell’abito in modo che tutti possano ricordarlo.

LA TUA CANZONE DEL MOMENTO

Quale è la canzone di Renato Zero che state ascoltando di piu in questo momento e perche? La domanda non si riferisce a ZEROSETTANTA ma all’intero repertorio musicale di ZERO

Per quanto mi riguarda al momento la canzone che ascolto di piu di Renato è IL LINGUAGGIO DELLA TERRA perche mi rilassa tantissimo, un giorno quando me la sentirò farò un Post su questo brano a dir poco meraviglioso e sublime, ma adesso non sono all’altezza di farlo perche è un pezzo troppo intenso ed impegnativo e so che non saprei rendergli il giusto omaggio ❤️

Ed ora tocca a voi! Quale canzone dell’intera discografia di Zero ascoltate di piu in questo periodo?

QUANTO TI AMO

Questa è la settimana dell’Amore, e come da tradizione scelgo un capolavoro d’amore che è di sicuro il piu bello degli ultimi anni, che ci racconta di un grande anzi grandissimo amore, talmente grande che non si riesce ad esternarlo… e sto parlando di “Quanto ti amo” è con questa canzone contenuta nell’album “Zero il Folle” che abbiamo conosciuto il bravo e giovane Lorenzo Vizzini il quale l’ha voluta regalare al nostro Renato Zero che a sua volta l’ha interpretata come se fosse sua, con grande intensità e con una voce profonda e a dir poco meravigliosa…

Per me è stato incredibile scoprire che una canzone cosi stupenda e intensa sia stata scritta quando l’Autore aveva soltanto 12 anni, non riesco nemmeno a capacitarmi di come un ragazzino di 12 anni possa essere cosi profondo e parlare di un sentimento cosi importante come l’Amore, ancor prima di averlo provato sulla sua stessa pelle, decisamente un bambino prodigio!

Sono stata proprio io a chiedere su IG a Lorenzo Vizzini se “Quanto ti amo” fosse una canzone autobiografica, e lui mi ha risposto cosi:

“Non è autobiografica, ma è ispirata ad una grande storia d’amore che ho vissuto in terza persona. Avevo 12 anni quando l’ho scritta. Pensavo alla storia dei miei nonni e soprattutto a mio nonno, che ha sempre avuto difficoltà ad esplicitare in parole l’immenso amore che prova per mia nonna.”

Grazie a lui quindi scopriamo che questo brano parla proprio dell’amore di coppia, laddove uno dei due non riesce ad esprimere all’altro il proprio sentimento pur amandolo infinitamente, ed è per questo che c’è il bellissimo passaggio in cui canta “E forse per questo io non riesco a dirti ti amo” oppure ancora questa meraviglia qua: “Tu per me sei la sposa, la figlia, la balia, la strega, l’amante..Io vorrei dirti quel che non ti ho detto mai ma se ti guardo so che anche tu lo sai” a volte in amore non c’è nemmeno bisogno di tante parole..basta veramente leggerlo negli occhi!

La strofa che fin da subito mi ha colpito al cuore è: “Io ti ho chiesto una casa e tu mi hai dato il tuo cuore…io ti ho chiesto un sorriso e tu mi hai dato il tuo tempo migliore…”

Il destino dell’amore…io ci credo in quel destino…

Questa canzone è talmente bella dal punto di vista musicale e con un testo cosi profondo, intenso, romantico e di vita che personalmente ho difficoltà nel redigere un Post che sia all’altezza di una perla del genere, anche perche ci sarebbe da commentare ogni singolo passaggio dato che si tratta di parole mai dette, non banali e per niente scontate, ed è per questo che voglio lasciarvi il testo perche parla da se…invitandovi ancora un volta ad ascoltarla nuovamente… perche parole e musica vi condurranno verso sentieri magici e poetici..basta ascoltarla e chiudere gli occhi per volare lontano…

“QUANTO TI AMO”

Il destino è strano
Forse perché
È parte di ognuno ma in fondo nessuno sa bene cos’è
Che fa camminare strade senza senso
Ci fa amare due occhi scuri
In tutto l’universo

Il destino è amaro
Cambia ogni istante
Quando pensi di averlo afferrato
In un attimo torna distante
E sa calcolare i piani al giusto tempo
Come quando ti ho incontrata e poi
Da quel momento

Io ti ho chiesto una casa
E tu mi hai dato il tuo cuore
Io ti ho chiesto un sorriso e tu
Mi hai dato il tuo tempo migliore

Io ti ho chiesto la vita
E tu mi hai dato la tua pelle
Io ti ho chiesto l’amore
E tu mi hai amato veramente
Ma l’amore a volte sembra così strano
E forse per questo io non riesco a dirti ti amo
Ti amo con il mio corpo
Ti amo in ogni emozione
Ti amo più di me stesso
Oltre tutto l’amore

Quanto ti amo
Quanto ti amo

Il destino ubriaca e cammina da sé
E mi porta ogni volta
Ad un passo da te
E ritorno a credere
Che niente è perso
E che solo con il tempo tutto
Prende un senso
E l’amore è una cosa
Ed è tutte le altre
Tu per me sei la sposa, la figlia, la balia, la strega, l’amante
Io vorrei dirti quel che non ti ho detto mai
Ma se ti guardo so che anche tu lo sai

Io ti ho chiesto un futuro
E mi hai disegnato due ali
La mia fede oscillava e tu le risposte da darmi le avevi
Per placarmi la sete tu ti sei fatta sorgente
Io ti ho chiesto certezze
E tu sei viva, vera e presente
Ma l’amore a volte
Fa un percorso strano
E forse per questo che non riesco a dirti ti amo
Ti amo in ogni momento
Ti amo in ogni espressione
Ti amo più di me stesso
Oltre tutto l’amore
Quanto ti amo
Dio

LA LOGICA DEL TEMPO

Dal Volume Due di “Zerosettanta” estrapoliamo questa settimana un bel brano ritmato dalla musica accattivante e dal testo interessante, sto parlando de “La logica del tempo” singolo che fra l’altro è uscito in Radio Venerdi scorso.

Piccola curiosità su questo brano è che il suo giovane Autore il bravo Lorenzo Vizzini ha dichiarato che La logica del tempo ha un aneddoto divertente, Vizzini dice che stava andando a trovarlo una sua amica in Sicilia quando lui viveva a Ragusa, cosi appena si incamminò verso la stazione dei Bus che distava appena 500 metri dalla sua casa, gli vennero in mente improvvisamente sia le parole del ritornello che la melodia, esattamente come sono adesso. Cosi per non dimenticarla la registrò al telefono mentre camminava, cercando di non farsi sentire dagli altri passanti, quindi sottovoce in mezzo ai rumori del traffico…Incredibile no?

Il tempo vola questa è la frase che mi ripeto incessantemente e che vivo sulla mia pelle, il tempo è un attimo ed ogni cosa è di passaggio, il pezzo che preferisco è: “E nella logica del tempo qualsiasi cosa passerà anche se non ne cogli il senso un giorno il senso arriverà ed è una regola del mondo chi amore ha dato amore avrà in questo tempo senza tempo che noi chiamiamo eternità ”

Quante volte ci capita di non cogliere il senso di una situazione di alcuni avvenimenti ma spesso il senso e le risposte ce le da proprio il tempo, il tempo serve a crescere, a guarire le ferite, a dimenticare, io lo reputo un medico infallibile! Peccato che questo tempo ci sfugge di mano, quante volte anche a voi vi sarà capitato di dire ” Mi sembra ieri che sia successa quella determinata cosa” Dal brano si evince che il tempo abbia una sua logica anche quando noi non la vediamo, bellissimo anche questo passaggio: “E nella logica del tempo qualsiasi cosa cambierà ma saper vivere il momento è il senso della libertà” piu che mai vero!

Personalmente spesso mi ritrovo canticchiare il finale…In questo tempo senza tempo che noi chiamiamo eternità…

STAI GIU

E’ arrivato il momento di iniziare a sviscerare questa immensa trilogia di Zerosettanta, partiamo con un profilo basso commentando “Stai giu” brano contenuto nel Volume 3

La canzone parte subito scagliandosi contro la Tv e tutti gli innominabili che la rappresentano, la solita Tv spazzatura che piu passa il tempo piu sta diventando inguardabile. Il pezzo ci invita a non piegarci a certe dinamiche della società in cui viviamo, dove vige la legge del piu forte, dove a comandare sono sempre gli stessi, stesse facce stessi atteggiamenti. laddove il denaro la fa da padrone come sempre.

Un chiaro riferimento alla politica quando dice ” Sinistra o destra i giorni ormai si contano da sola questa eutanasia si compirà” e mi sembra piu che mai attuale visto il momento complicato che stiamo vivendo grazie a degli irresponsabili. Ma Zero ad un certo punto ci esorta a tirarci su e a combattere…

CREA IL TUO ZEROSETTANTA

Finalmente è arrivato il momento che tutti stavamo aspettando, ognuno di voi avrà la possibilità di comporre il proprio ZEROSETTANTA personale, ossia di creare un unico Album di Zerosettanta estrapolando i vostri brani preferiti da ognuno dei tre volumi, perciò un solo disco che contiene soltanto 14 canzoni.

Quindi il vostro unico disco di Zerosettanta quali brani avrebbe contenuto dei tre volumi?

UNA SOLTANTO!

Questa settimana ho una domanda molto ma molto complicata per voi, e già posso immaginare che la risposta non sarà facile…Ora che avete potuto ascoltare bene tutti e tre i Volumi di ZEROSETTANTA sareste in grado di dirmi quale è la vostra canzone preferita in assoluto? E inoltre quale tra i tre secondo voi è la meno bella in assoluto? Insomma scegliete soltanto una canzone dall’intera trilogia, la piu bella e la meno bella aggiungendo ad entrambe le vostre motivazioni.

BUONA FINE E BUON PRINCIPIO

Stiamo per salutare questo terribile 2020, nessuno l’anno scorso avrebbe mai potuto immaginare cosa ci avrebbe portato questo nuovo anno, un anno da dimenticare, per molti proprio da cancellare…qualcuno diceva che questa pandemia avrebbe insegnato molte cose alla gente, che saremmo diventati migliori…. io invece in giro vedo soltanto piu strafottenza e superficialità!

Auguriamoci che il nuovo anno ci porti qualcosa di bello, che le nostre vite possano ritornare lentamente alla normalità… da quando sono al mondo non c’è mai stata una legge che mi impedisse di festeggiare il nuovo anno, e invece incredibilmente saremo tutti a casa per festeggiare alla mezzanotte l’arrivo del 2021, sembra un’ atipica trama di un film e invece è la realtà…ma in fondo va bene cosi tanto non c’è nulla da festeggiare… l’importante è stare in salute.

Mi raccomando però per scaramanzia gli auguri per il nuovo anno scambiamoceli solo dopo la mezzanotte!